Il New York Blood Center sceglie "Milano". La bilancia smart e made in Italy
single.php

Ultimo aggiornamento il 3 ottobre 2020 alle 9:00

Il New York Blood Center sceglie “Milano”. La bilancia smart e made in Italy

La PMI Delcon e la società Cefriel hanno attivato un processo di co-design per innovare nel settore della filiera trasfusionale

È smart, versatile, e ha un design tutto italiano: cambia posizione con grande facilità; è dotata di sensori e di un innovativo display touch; è alimentata da una batteria che garantisce oltre 100 donazioni con una ricarica aumentando l’autonomia del dispositivo. La nuova bilancia per la donazione, chiamata Milano, in omaggio alla capitale italiana del design, nasce dalla collaborazione tra Delcon, PMI italiana specializzata nella progettazione e produzione di dispositivi medicali e software per la filiera del sangue, e il New York Blood Center. Quest’ultimo ha deciso di affidarsi all’azienda di Bergamo per innovare: 12 dispositivi sono già stati inviati negli USA. L’azienda ha avviato nel 2018 una collaborazione con Cefriel, società partecipata anche da università tra cui il Politecnico di Milano, per un processo di co-design che ha portato alla realizzazione della bilancia.

La bilancia "Milano" realizzata da Delcon in collaborazione con Cefriel

Come è nata “Milano”

«L’approccio Design Thinking da cui è nata la collaborazione con Cefriel e che ha portato al nuovo dispositivo ha commentato Barbara Sala, CEO Delcon – ha permesso all’azienda di ottenere due risultati fondamentali: ristabilire la relazione con il cliente finale, e disporre di uno strumento importante per interpretare i bisogni del cliente al fine di creare valore nella filiera». Ideata per essere più maneggevole e facilitare il lavoro degli operatori – negli USA la raccolta del sangue avviene soprattutto attraverso postazioni mobili – la nuova bilancia dal design si caratterizza infatti per una maggiore ergonomia ed una elevata praticità di trasporto: la maniglia integrata sul retro della bilancia ne aumenta la trasportabilità, mentre un gancio, intercambiabile secondo il tipo di supporto, permette all’operatore di collegare il dispositivo al lettino o alla poltrona per la donazione.

«Nella realizzazione del progetto con Delcon – ha spiegato Alfonso Fuggetta, CEO Cefriel – abbiamo seguito un approccio ‘design thinking’, agile ed efficace in ogni aspetto progettuale a partire dall’analisi dell’esigenza fino alla soluzione concreta, e mettendo insieme competenze diverse. Siamo orgogliosi di aver supportato una realtà d’eccellenza nel panorama nazionale che sta affrontando una fase importante della sua internazionalizzazione». Il design allungato della bilancia Milano permette di raggiungere un duplice obiettivo: facilitare le operazioni di lavoro dell’operatore in posizione eretta, grazie all’innalzamento dell’interfaccia utente ora collocata nella parte alta del device; al tempo stesso, preservare la posizione del vassoio nella parte inferiore del dispositivo, agevolando la donazione del sangue per caduta.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter