Credimi Start: 20mila euro per le PMI, per far fronte agli imprevisti - OpenInnovation
single.php

Ultimo aggiornamento il 11 marzo 2020 alle 14:33

Credimi Start: 20mila euro per le PMI, per far fronte agli imprevisti

Una soluzione di credito rapido per le aziende con almeno 1 anno di vita e 100.000 euro di fatturato. Che si appoggia al Fondo di Garanzia di Medio Credito Centrale: le garanzie da offrire sono minime

Non c’era forse momento migliore per il lancio di un prodotto di questo tipo: Credimi Start è arrivato un po’ in anticipo sul mercato rispetto alle previsioni, ma dicono i suoi creatori che hanno scelto di affrettare i tempi per metterlo rapidamente a disposizione delle PMI che si trovano di colpo ad affrontare l’emergenza Coronavirus: “abbiamo creato Credimi Start e deciso di anticiparne il lancio, per dare un ulteriore strumento alle imprese più piccole, in questo periodo di particolare difficoltà” ha spiegato Ignazio Rocco, Founder e CEO di Credimi. 20mila euro in tre giorni per le PMI, da rimborsare in 5 anni a partire dal 2021.

Che cos’è Credimi Start

Ai servizi di refactoring e di finanziamento fino a 2 milioni, ora si affianca un nuovo servizio offerto da Credimi: Credimi Start è un finanziamento erogabile in tempi brevi, che sfrutta il Fondo di Garanzia di Medio Credito per ridurre al massimo le garanzie necessarie al suo ottenimento. Alle società di tipo Sas e Snc con un fatturato sopra i 100mila euro e almeno un anno di vita, e alle società di capitali SpA e Srl con un bilancio depositato di almeno 100mila euro, vengono messi a disposizione 20mila euro da rimborsare a tasso fisso in 5 anni, con inizio del rimborso a partire dal 2021.

 

La formula totalmente digitale di Credimi consente di ricevere una risposta alla propria richiesta entro 3 giorni: in questa fase particolare, in cui le attività si misurano con circostanze davvero uniche per quanto attiene la produttività, 20mila euro possono far comodo per gestire pagamenti, stipendi o anche per investire in strumenti utili a garantire la continuità dell’attività stessa.

 

Il pubblico potenziale di questo tipo di prodotto creditizio è molto ampio: si parla di 100mila imprese in tutta Italia, che secondo il Rapporto Cerved 2019 hanno mercato per oltre 130 miliardi di debiti finanziari erogabili a fronte di un rischio di default a un anno inferiore al 3,5 per cento.

 

Che cos’è Credimi

Nata come piattaforma di factoring digitale, Credimi si è evoluta nel tempo in una realtà tale da poter assurgere a piattaforma per il credito a tutto tondo per le imprese: le PMI si possono rivolgere a Credimi per un anticipo fatture o cartolarizzazione del credito (factoring), per un finanziamento allo scopo di ampliare la propria offerta o rafforzare il proprio business. Anche le grandi imprese hanno in Credimi un possibile partner: possono rivolgersi alla startup per istituire un cosiddetto credito di filiera, ovvero un meccanismo alternativo di gestione dei pagamenti per i proprio fornitori.

 

Credimi Start si affianca ad un altro prodotto, Credimi Futuro, che si rivolge alle società di capitali con fatturato di 300mila euro e due bilanci depositati ed è in grado di erogare fino a 2 milioni di euro (sempre da rimborsare in 5 anni). Sono allo studio anche ulteriori prodotti per arricchire l’offerta, sempre accomunati dalla formula totalmente digitale: bastano pochi minuti per sottoporre la propria richiesta, e la risposta da parte di Credimi richiede solo poche ore o pochi giorni per essere fornita. A oggi, Credimi ha già finanziato oltre 15.000 imprese per più di 800 milioni di euro.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter

  • Ti potrebbe interessare anche