Cisco DTLab Networking Bootcamp: il ruolo delle aziende

Ultimo aggiornamento il 14 febbraio 2020 alle 14:28

Cisco DTLab Networking Bootcamp: il ruolo delle aziende

Entro l'8 marzo potranno candidarsi proponendo una challenge ad alto contenuto tecnologico. Quelle selezionate saranno assegnate ai team di studenti

Nei primi giorni di aprile partirà la fase due del progetto formativo Cisco DTLAb Networking Bootcamp, dedicato a creare professionalità altamente specializzate con competenze nel settore delle nuove reti e dello sviluppo applicativo. Nel percorso verranno coinvolte anche le aziende che parteciperanno alle attività didattiche. Entro l’8 marzo potranno candidarsi all’iniziativa proponendo una challenge ad alto contenuto tecnologico.«La complessità e la velocità del cambiamento richiedono che i giovani professionisti sappiano lavorare in gruppo in maniera efficace dal primo giorno – ha dichiarato Giuseppe Cinque, Product Manager per le Tecnologie Emergenti – Al DTLab gli studenti esercitano questi muscoli con challenge e progetti. Siamo sempre stupiti dalla capacità dei giovani quando lavorano in gruppo di proporre soluzioni originali a problemi presentati».

Cisco DTLab: il percorso

I venti studenti selezionati lo scorso ottobre, che stanno acquisendo competenze su moderne tecnologie di rete, Edge/Fog Computing, Network Programmability e Cybersecurity, saranno chiamati allo sviluppo di project work. Le challenge più idonee saranno selezionate da un comitato formato da rappresentanti dei tre partner promotori, ovvero, Cisco, Università Federico II e Consorzio CLARA. Tre i criteri di riferimento: coerenza con i temi trattati nella prima fase del bootcamp, innovazione ed impatto sociale sui cittadini e sul territorio, fattibilità pratica.

Leggi anche: Sicuro e sempre più diffuso: ecco il data center di oggi secondo Cisco

I team avranno a disposizione gli spazi e le attrezzature di laboratorio di ultima generazione dell’aula DTLab del Polo Tecnologico di San Giovanni a Teduccio dell’Università degli Studi di Napoli Federico II. Le challenge selezionate saranno assegnate ai team di studenti che da aprile a giugno saranno chiamati allo sviluppo dei progetti ed alla realizzazione di prototipi funzionanti.

Leggi anche: “Con DevNet parliamo a mezzo milione di sviluppatori”

Grazie ai project work le aziende, oltre ad avere la possibilità di entrare in contatto diretto con  giovani di talento, potranno approfondire tematiche tecnologiche di interesse che potrebbero avere impatto concreto in azienda. Le aziende selezionate saranno chiamate a designare un tutor che supporterà ed indirizzerà i team di studenti durante le fasi progettuali, accompagnandoli fino alla conclusione, con la presentazione del progetto nella cerimonia di chiusura del percorso formativo. Le aziende che hanno proposto una challenge nella scorsa edizione sono state Eav, Hitachi STS, Laminazione sottile, Penelope e Stazione sperimentale pelli.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter