Digital Summit Regionali, a Napoli la terza tappa del roadshow che traccia lo stato dell'innovazione in Italia - OpenInnovation
#SIOS19
Prenota il tuo biglietto

Ultimo aggiornamento il 25 settembre 2019 alle 14:33

Digital Summit Regionali, a Napoli la terza tappa del roadshow che traccia lo stato dell’innovazione in Italia

Il 26 settembre al Polo Universitario di San Giovanni a Teoduccio si terrà l'evento per promuovere la digitalizzazione in Campania

“In Campania, per incentivare e sostenere la trasformazione digitale, abbiamo puntato sul potenziamento delle infrastrutture, l’ampliamento dei servizi e la diffusione delle competenze. Per il raggiungimento di questo obiettivo, infatti, daremo il via al programma “Cambiamenti digitali” con uno stanziamento di quattro milioni di euro per stimolare l’acquisizione delle capacità digitali nel percorso scolastico e formativo dei nostri ragazzi”.  E’ l’annuncio – frutto di profonda convinzione – formulato dall’assessore regionale alla internazionalizzazione, startup, innovazione, Valeria Fascione che, già da molti anni lavora sulla crescita dell’ecosistema tecnologico e digitale e che, tra l’altro, troverà forti convergenze nel confronto previsto nell’ambito del “Digital Summit Regionali”. Si tratta della terza tappa dopo Genova e Roma, di cui la Campania sarà la protagonista assoluta che si terrà a Napoli, il 26 settembre, nel Polo Universitario di San Giovanni a Teduccio.

Un evento importante che traccerà non solo lo scenario dell’economia della Regione ma rappresenterà anche – attraverso la partecipazione di alcuni tra i protagonisti del mondo delle Istituzioni, dell’Università, dell’impresa e della ricerca – lo stato dell’ arte sullo sviluppo e sulla trasformazione digitale in corso nel mondo. L’evento è organizzato da The Innovation Group, in partnership con il Consiglio Regionale della Campania, la Giunta Regionale e l’Università degli Studi di Napoli “Federico II”, nell’ambito del Programma nazionale “DIGITAL ITALY 2019”.

“Il digitale – sottolinea l’assessore Fascione – rappresenta un’importante leva di competitività per la Campania e per l’intero Paese. Ormai su questo fronte ne sono convinti tutti. E’ un settore dal forte dinamismo al quale occorre agganciare le scelte politiche ed economiche, come confermato anche nelle recenti nomine in ambito UE. Il “Campania Digital Summit” si presenta dunque come una iniziativa dalla forte connotazione nazionale e favorisce un importante confronto tra PA, associazioni imprenditoriali, Università, centri di ricerca e imprese”.

 

“La nostra Regione guarda con attenzione alla digitalizzazione ed ha ottenuto importanti riconoscimenti in questo settore”, ha dichiarato Antonio Marciano, consigliere Questore alle finanze del Consiglio regionale della Campania, nel corso della presentazione del programma. “Infatti abbiamo deciso di destinare le poche risorse libere all’innovazione, alla digitalizzazione, alla dematerializzazione dell’iter legislativo delle attività del Consiglio Regionale e delle Commissioni”. I dati positivi sulla Campania mostrano l’avanzamento nel campo della digitalizzazione di due posizioni rispetto alle altre, risultando infatti la Campania la tredicesima Regione italiana ma la prima invece dell’area Sud per la digitalizzazione della forza lavoro impiegata dalle organizzazioni aziendali. Così il Presidente di “The Innovation Group”, Roberto Masiero, ha anticipato alcuni risultati contenuti nell’analisi realizzata dal Centro di economia Digitale. “Napoli, nel periodo tra il 2011 e il 2018, è passata dalla 55esima alla 24esima posizione – ha detto – e, soprattutto, si è posizionata stabilmente sopra la media nazionale”. Investire in modo concreto sulla digitalizzazione, sulle infrastrutture, sulle competenze e constatarne gli effetti e le ricadute positive sul mondo delle imprese e della pubblica amministrazione, è quanto si propongono gli organizzatori. E per verificarne la portata – ha aggiunto Fascione – “ci saranno tre focus importanti su infrastrutture, ambiente e territori e sulla sanità digitale, che è una nostra priorità. Senza tralasciare il mondo della cultura e del turismo, che è un asset fondamentale”.

Convinzione generale, che troverà ampio spazio negli interventi, è che lo sviluppo delle infrastrutture digitali non solo favorisce la crescita e il miglioramento delle organizzazioni delle imprese ma contribuisce a migliorare la qualità della partecipazione e dei servizi ai cittadini.

Campania Digital Summit

I lavori inizieranno alle ore 9,00 con la sessione plenaria sul tema “Lo sviluppo economico, le attività produttive e l’attuazione della digitale transformation in Campania”.  Sono previste le introduzioni del Presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, e del Presidente del Consiglio Regionale, Rosa D’Amelio. A seguire, gli interventi, tra gli altri, dell’assessore Fascione, del Commissario straordinario per l’attuazione dell’Agenza Digitale della Presidenza del Consiglio dei Ministri, Luca Attias, il Rettore dell’Università degli Studi di Napoli “Federico II”, Gaetano Manfredi, del Questore Marciano, del presidente della III Commissione consiliare permanente, Nicola Marrazzo, inoltre Marco Gay, Presidente, Anitec-Assinform, Elio Catania, Delegato alla Crescita Digitale del Sistema Imprese, Confindustria, Luigi Nicolais, Presidente, Campania Digital Innovation Hub, Rosario Cerra, Presidente, Centro Economia Digitale, Massimo Palermo, Country Manager, Avaya Italia, rappresentante di Oracle Italy. L’intervento conclusivo sarà del Ministro per l’Innovazione tecnologica e la digitalizzazione, Paola Pisano.

I lavori proseguiranno con sessioni dedicate su “Infrastrutture, trasporti e mobilità: il modello di sviluppo regionale”, con la partecipazione del presidente della IV Commissione consiliare permanente, Luca Cascone, Pietro Spirito, Presidente, Autorità Portuale di Sistema del Mar Tirreno Centrale, di Antonella Galdi, Vice Segretario Generale, ANCI, di Fabrizio Perrone, amministratore Delegato, Logistica Digitale, Flavio Farroni, CEO, Megaride, Sandro Bovelli, CEO, Sentetic. Sul tema dell“Innovazione organizzativa: il nuovo welfare, le filiere della continuità assistenziale e la sanità digitale”, è prevista la partecipazione, tra gli altri, dell’assessore regionale al Bilancio, Ettore Cinque, e del Presidente della V Commissione consiliare permanente, Stefano Graziano, mentre su quello della “Digitalizzazione come leva di promozione e sviluppo per i beni culturali e il turismo”, sono previsti gli interventi: dell’assessore regionale allo sviluppo e promozione del turismo, Corrado Matera, di Lucio D’Alessandro, Rettore, Università degli Studi Suor Orsola Benincasa, di Rosanna Romano, Direzione Generale per le Politiche Culturali e il Turismo, Regione Campania, Claudio Bocci, Direttore Generale, Federculture, Sylvain Bellenger, Direttore Museo di Capodimonte, Francesca Jacobone, Presidente, Zètema Progetto Cultura, Antonella Salvatore, Director Center for Professional and Continuing Education and Career Services, John Cabot University, Bruno Frangipani, Amministratore Unico, Consorzio Glossa
Mario Amura, CEO, Phlay, Sebastiano Deva, Indipendent Artist & CEO, AppTripper Emotional Experience. Infine, le sessioni pomeridiane su “Le priorità dell’Agenda Digitale nella Regione Campania”, prevedono l’intervento della Presidente della Commissione speciale “Trasparenza” Valeria Ciarambino, e la partecipazione, tra gli altri dell’assessore regionale alle attività produttive e ricerca scientifica, Antonio Marchiello, del Presidente della Commissione speciale sburocratizzazione, Maria Grazia Di Scala.

Consultare il sito dell’evento

 

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter