immagine-preview

Ott 17, 2018

Che cos’è il Social Thinking e perchè comprendere i comportamenti umani aiuta il business

Il caso di We Are Social che ha da poco aperto un nuovo ufficio a Madrid

Sempre più aziende italiane si aprono ai social, o meglio, aprono pagine social. Sembra un gioco di parole, ma è anche l’unico modo per descrivere una situazione – quella italiana – sempre più rivolta ad un approccio digital, in chiave social.

 

Secondo il Barometro Hootsuite 2018, infatti, che ha analizzato oltre 9000 aziende in tutto il mondo, in Italia l’86% degli intervistati ritiene la presenza della propria azienda sui social media ormai fondamentale per diventare, ma soprattutto rimanere, competitivi.

 

Non solo: il 47% delle aziende intervistate dichiara di avere almeno quattro profili social attivi e il 43% ne ha almeno uno. Primo tra tutti Facebook (su cui è presente il 99% delle aziende), seguito da Instagram (77%), Twitter e LinkedIn (63%). Numeri in netta crescita, se si considera che nel 2013 ad avere una pagina social era soltanto il 36% delle aziende (fonte: Il Sole 24 Ore).  Che siano B2C o B2B poco importa: le imprese italiane hanno ormai scelto da tempo di essere presenti anche on-line, in un’ottica di brand reputation e brand awareness. Tradotto: la riconoscibilità e la reputazione del brand, che restano i motivi principali per cui le aziende utilizzano i social.

We Are Social sbarca a Madrid

L’ha capito già da tempo We Are Social, una delle agenzie più conosciute che supporta la comunicazione e il posizionamento di aziende presenti a livello locale e globale. Pochi giorni fa l’agenzia ha aperto un ufficio a Madrid. “La Spagna ha un fortissimo potenziale nel marketing e nella comunicazione, da un punto di vista creativo, social e digital” è la linea dei tre CEO di We Are Social Italia e Spagna. “Il progetto di Alberto (Pachano, Managing Director di We Are Social Madrid, ndr) per lo sviluppo dell’ufficio di Madrid si basa su una conoscenza profonda del mercato e una visione consapevole del ruolo che possiamo avere in Spagna”.

 

Con oltre 700 specialisti e 12 uffici nel mondo We Are Social è ormai divenuta un vero e proprio brand, che ha messo al centro della propria mission le persone e la comprensione del loro comportamento come primo passo per generare valore di business. “Questo è quello che chiamiamo social thinking” commentano Gabriele Cucinella, Stefano Maggi e Ottavio Nava, i tre CEO.

I tre elementi del Social Thinking

E’ attraverso l’individuazione di social insight,  che i team sviluppano le idee creative, traducendole in valore reale per i brand loro clienti. Sono le cosiddette ideas powered by people, in grado di stimolare conversazioni, creare e rafforzare relazioni e community, diminuendo la distanza tra le persone e le marche.

 

E’ un approccio, quello del Social Thinking, che si sviluppa su tre livelli: si parte dai social insights che, come punto di partenza, rappresentano la base su cui vengono sviluppate le idee per i clienti. E’ grazie alla loro analisi che possono infatti emergere dati o evidenze spesso nascoste o inespresse che possono condizionare la percezione di un brand o di un prodotto. Poi ci sono le social idea, nel vero senso della parola: idee in grado di unire le persone, attivare conversazioni e stimolare all’azione. Infine arriva lo scambio di valore attraverso le piattaforme digital: grazie alla partecipazione attiva delle persone si possono infatti ottenere informazioni, intrattenimenti ma anche vantaggi commerciali (per il brand).

 

La chiave è creare vicinanza anche abbattendo i confini nazionali, come ha fatto We Are Social con la nuova sede dell’agenzia a Madrid.

 

Se si dovesse scegliere una keyword dell’approccio social – sempre più necessario per le realtà italiane – forse sarebbe proprio la consapevolezza: di sapere che cosa dire (prima ancora che vendere). Di creare storytelling di qualità. Di ascoltare il cliente, prima ancora di essere scelti

 

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter