immagine-preview

Ago 9, 2018

NewTv, la piattaforma di contenuti video pensata per gli smartphone

Nessun contenuto di proprietà, breve durata dei video e partnership con i grandi studios di Hollywood. Il progetto di Jeffrey Katzenberger e Meg Whitman ha coinvolto realtà come Disney, 21stCentury Fox e Alibaba

“Questo progetto sconvolgerà Hollywood come fece la HBO negli anni ’90”. E se a fare quest’affermazione è Jeffrey Katzenberger, co-founder della DreamWorks SKG e guru dell’animated entertainment, l’interesse sale alle stelle. Qui si sta parlando, ovviamente, di NewTv, il servizio streaming in abbonamento con contenuti originali di dimensioni ridotte (10 minuti massimo) pensati per essere trasmessi via smartphone.

Nella sua carriera Jeffrey Katzenberger ha firmato grandi film di animazione

Programmazione mobile

Se l’effetto di questa nuova piattaforma di video contenuti sarà davvero così dirompente lo scopriremo solo da Natale 2019, data ultima prevista per il lancio. Di certo, finora, l’accoglienza riservata al nuovo progetto che Katzenberger gestirà insieme a Meg Whitman – l’ex CEO di Hewlett Packard ed eBay si occuperà della parte relativa a business e sviluppo tecnologico – è stata trionfale.

Molti degli studios più importanti di Hollywood (Disney, 21st Century Fox, NBCUniversal, Lionsgate) hanno preso parte all’investimento. Così come alcuni grandi nomi della tecnologia come Alibaba Group. Un round di seed-funding per NewTv da un miliardo di dollari che si è ufficialmente chiuso il 31 luglio scorso.

 

Sitcom, tv dramma e pure documentari: la nuova piattaforma proporrà agli utenti una vasta gamma di contenuti prodotti da terze parti. Già perché NewTv non sarà proprietaria né produrra nulla della propria programmazione. Il modello di business della piattaforma, infatti, si basa sulla partnership con alcuni dei più famosi produttori di entertainment, come quelli sopra citati. Contenuti dagli utenti usufruibili attraverso due diverse forme di abbonamento, di cui una senza pubblicità.

Leggi anche: Come cambia la pubblicità sui social

La nuova era dei contenuti “smart”

NewTv, che prende in parte ispirazione anche dal successo ottenuto in questi anni da Netflix e piattaforme simili, punta decisa sull’intrattenimento mobile e su una dimensione dei contenuti, per quanto riguarda il minutaggio, smart e accessibile ovunque.

 

Funzionerà? I dati odierni dicono di sì. Intervistato dall’intervista americana Variety, Jeffrey Katzenberg ha sostenuto il proprio ragionamento citando la rapida crescita dei servizi di streaming in campo musicale come Spotify e Apple Music. Mentre il numero di persone che possiedono uno smartphone continua a salire: 3 miliardi nel 2018.

In fin dei conti, gli stessi social network hanno percepito quest’evoluzione dei contenuti optando per messaggi brevi ma dall’impatto forte e immediato, soprattutto in campo pubblicitario.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter