immagine-preview

Lug 20, 2018

Torino, alle OGR un nuovo hub per startup

Nella parte Sud delle ex Officine ferroviarie stanno per terminare i lavori per realizzare uno spazio da novemila metri quadri dedicato alle imprese innovative. Inaugurazione prevista all'inizio del 2019

Un nuovo polo per la ricerca e l’innovazione, dedicato alle startup del territorio e alla crescita di nuovi progetti creativi: è questo il destino dei novemila metri quadrati delle Officine Sud del complesso OGR di Torino. La ristrutturazione dell’area terminerà tra qualche mese e – dopo l’apertura lo scorso autunno del primo spazio, le Officine Nord dedicate a mostre, concerti ed eventi – segnerà il completamento del progetto di riqualificazione di quelle che furono le Officine grandi riparazioni delle Ferrovie, un simbolo dell’industria del Novecento riadattato alla dimensione contemporanea della produzione immateriale.

Un ciclo di incontri per “lanciare” le OGR

Proprio per favorire l’integrazione di questo nuovo spazio all’interno della realtà torinese, la Fondazione Crt – che nel progetto Ogr ha investito 100 milioni di euro – ha organizzato un ciclo di incontri in collaborazione con Endeavor Italia, l’organizzazione no profit che seleziona imprenditori di valore e li aiuta a sviluppare il loro business durante la fase di espansione (scale up).

Leggi anche: Endeavor apre in Italia, che entra nel mirino del venture internazionale

Il primo, mercoledì 18 luglio, è stato dedicato all‘Intelligenza Artificiale, e ha visto protagonisti il Managing Director di Endeavor Italia, Raffaele Mauro, e Simone Di Somma, Amministratore delegato di Innaas, società fondata nel 2014 che aiuta le aziende enterprise a trasformare i propri servizi tramite l’IA, sviluppando piattaforme che permettono alle aziende di interagire con i clienti in modo automatico tramite conversazioni in linguaggio naturale.

“Ci saranno una decina di appuntamenti di qui alla fine dell’anno, tutti dedicati ai temi dell’innovazione digitale che saranno al centro di tutti gli sviluppi dei prossimi anni, dalla blockchain alla cybersicurezza”, o ancora le biotecnologie e il Quantum Computing, ha detto Marco Di Luca, Principal di Bain & Company, l’agenzia di consulenza che cura la strategia di sviluppo delle Ogr: “Alcuni, come questo, saranno ad inviti, mentre due o tre, di taglio più divulgativo, saranno aperti al pubblico”.

“Lo scopo degli incontri – ha aggiunto – è creare una community attorno alle OGR in vista dell’apertura della parte Sud, coinvolgendo le istituzioni (di cui la Fondazione Crt è la capofila), le aziende corporate come Unicredit – che è azionista di questo spazio -, gli investitori e le imprese, startup e scale up”.

Un progetto ambizioso

Ecco il perchè della partnership siglata con Endeavor, che pochi mesi fa ha portato proprio alle OGR EndeavorX, il suo programma di selezione delle migliori startup in vista di un percorso di crescita e accelerazione: “La collaborazione con OGR – ha spiegato Mauro – è nata per favorire lo sviluppo e l’inserimento di questo spazio nell’ecosistema digitale di Torino e del Piemonte, cosa che Endeavor vuole fare sempre di più in futuro, portando contenuti, persone e imprese che possano avere un impatto positivo sul territorio”.

Leggi anche: Alle OGR di Torino EndeavorX, il progetto che seleziona i migliori nuovi imprenditori italiani

Negli spazi delle Officine Sud saranno ospitate startup e acceleratori, “di cui due americani, e uno in partenza già nel primo semestre del 2019”, ha spiegato ancora Di Luca, “e in più stiamo cercando anche di coinvolgere anche i grandi player tech”, cioè i colossi del settore come Amazon, Microsoft o Google. “Il modello a cui ci ispiriamo, non per copiarlo ma per prenderne alcuni spunti – ha proseguito – è quello di Station F a Parigi”, l’ex deposito ferroviario che grazie all’investimento del fondatore di Free, Xavier Niel, è diventato un incubatore di startup da 34mila metri quadrati.

“Le partnership che abbiamo in mente, da quella con Endeavor a quelle con fondi di Venture Capital e delle aziende tech, hanno anche lo scopo di strutturare degli eventi importanti”, ha concluso Di Luca accennando a un progetto ambizioso: “Oggi in Italia manca un grande evento sull’innovazione: un’idea a cui stiamo lavorando assieme ai vertici della Fondazione Crt è realizzarlo proprio in questo spazio”.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter