Mag 24, 2018

State già pensando alle vacanze? Ecco l’app per trovare sempre l’ombrellone

Un servizio che promette di salvare i weekend a milioni di italiani e di far felici i gestori degli stabilimenti

L’estate sta arrivando ma il meteo finora non è stato dei migliori. Tra temporali improvvisi e repentini cambiamenti climatici che portano giornate che sanno già di luglio e di mare, può capitare di programmare un weekend in spiaggia all’ultimo minuto, con il rischio però di non trovare più posto e restare, così, senza ombrellone. A risolvere il problema ci prova l’app “Click to Beach“.

Un posto al sole (e uno anche sotto all’ombrellone)

Matteo Savorelli – ingegnere informatico ravennate ma anche assiduo frequentatore dei lidi romagnoli – ha ideato Click to Beach in una torrida giornata estiva insieme al bolognese Mattia Trentini, dopo l’ennesima “caccia all’ombrellone” finita male. Le scottature, per fortuna, non hanno impedito ai due di partorire un’ottima idea che possa salvare i fine settimana di moltissime famiglie. Savorelli e Trentini hanno fatto due conti e scoperto che sessanta milioni di italiani ogni stagione estiva devono contendersi 600.000 ombrelloni lungo le coste dell’intero territorio nazionale  80.000 nella sola Emilia Romagna – con i clienti stagionali (nei mesi di luglio e agosto, quasi il 90% dei bagnanti paganti).

Stessa spiaggia, stesso mare

Click to Beach dovrebbe risolvere una volta per tutte la perenne caccia all’ombrellone che impegna comitive di amici, famiglie e coppiette dall’inizio di giugno alla fine di settembre. Come? L’abbonato stagionale scarica l’app e, con un semplice click, comunica quando il suo ombrellone è libero. Click to Beach aggiorna in tempo reale il calendario delle disponibilità e consente così allo stabilimento di rivendere l’ombrellone temporaneamente chiuso. Con un triplice vantaggio: l’abbonato abbatte il costo dell’abbonamento; il bagnante occasionale stressato dalla moglie che brontola e dai pargoli che litigano può finalmente lasciare la famigliola sotto l’ombrellone, anche nelle prime file, arrivando in spiaggia in tutta tranquillità; lo stabilimento balneare riesce a soddisfare più richieste, aumentando gli incassi di spiaggia e ristorazione.

Non solo, perché i realizzatori di Click to Beach (SeeToBe s.r.l. che vede – oltre ai fondatori Savorelli e Trentini – la presenza di Luca Soravia), vogliono precisare che, grazie alla loro app, lo stabilimento entra in possesso di un sistema di gestione del parco ombrelloni “all’avanguardia”, studiato su misura per le sue esigenze, capace di portare nuovi clienti. A ingolosire gli utenti, il fatto che non siano previste commissioni per i servizi offerti dalla piattaforma, che trae il suo profitto esclusivamente dalle transazioni effettuate.

Leggi anche: Come digitalizzare la vostra azienda in tre step

Insomma, Click to Beach promette di salvare parecchi fine settimana. Ora quello che bisognerà chiedere ai ragazzi di SeeToBe s.r.l per non avere nuovamente la moglie che brontola in un orecchio e i bimbi che litigano nell’altro è una applicazione che trovi prontamente parcheggio nelle località di mare: una missione ancora più impossibile di quella per avere un ombrellone.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter