Feb 13, 2018

I tre finalisti dell’Aviva Customer Innovation Award

Tre startup che cambieranno il mondo delle assicurazioni sono finaliste dell'iniziativa promossa da Aviva e Polihub

Sono stati annunciati i tre finalisti dell’Aviva Customer Innovation Award, iniziativa promossa in partnership da Aviva, e PoliHub.

La call4ideas, aperta a imprenditori e startup, ha l’obiettivo di individuare idee e tecnologie capaci di innovare la Customer Experience nel settore assicurativo, con la duplice finalità di andare incontro alle esigenze dei consumatori che cambiano e di plasmare il futuro del business. I tre progetti finalisti si giocheranno l’opportunità di presentare la loro idea ai Senior Innovation Leader del Digital Garage Aviva di Londra, ricevendo un training dedicato.

I tre finalisti

Indigo AI –chatbot totalmente automatizzato. Attraverso un processo di machine-learning, è in grado di migliorarsi nel corso dell’interazione con l’utente e di personalizzare sempre meglio le proprie risposte, simulando l’esperienza di una conversazione naturale.

L’idea parte da presupposto che non rispondere al cliente in maniera veloce e puntuale può avere ricadute sulla brand reputation e sul fatturato. Indigo AI supporta le aziende nello sviluppo di chatbot white‐label per supportare la clientela, semplificare l’esperienza d’acquisto, ingaggiare la propria audience inviando contenuti personalizzati.
Gli assistenti virtuali di Indigo AI possono essere integrati con qualsiasi piattaforma di messaggistica che supporti chatbot. Gli utenti non dovranno scaricare nessuna nuova app o imparare nuovi metodi per parlare con i loro brand, gli basterà accedere alle applicazioni di messaggistica che già usano quotidianamente.

Momo – device integrato nella forma di una lampada che, sfruttando la tecnologia IoT, si configura come controllo multifunzionale per le esigenze della vita quotidiana, imparando dalle abitudini degli inquilini, a fini di sicurezza, domotica e controllo delle condizioni ambientali interne. Momo analizza l’ambiente circostante con i sensori integrati e la telecamera che ruota a 360°. Riconosce famigliari o amici, il layout degli ambienti e suoni come la caduta di una persona o la rottura di un vetro. Imparando i comportamenti degli utenti, Momo si adatta agli stili di vita rendendo gli spazi più sicuri. Agisce come un super hub che gestisce i dispositivi smart ed elettrodomestici tradizionali tramite prese di corrente connesse. Momo è utile per il controllo degli sprechi e la gestione dell’energia, degli scenari luminosi in base alle attività svolte e altro.  L’utente può interfacciarsi con il dispositivo tramite comandi vocali e tramite app. Il più delle volte, però, non sarà necessario perché, dopo un periodo di osservazione e apprendimento, è in grado di anticipare le necessità e le preferenze degli abitanti della casa.

Leggi anche: Momo, il robodomestico low-cost (tutto italiano) dotato di “buon senso”

 

Hometeo – Piattaforma che stima il valore di un immobile sulla base dei rischi potenziali legati ad alluvioni, terremoti, dissesto idrogeologico, ma anche a indicatori come il consumo elettrico, l’inquinamento domestico e il rischio criminalità. Lo strumento è pensato per i professionisti del settore immobiliare e consente di stimare il valore di un immobile su base geografica attraverso un’analisi comparata dei dati dell’offerta, del venduto (Open Data), dei servizi disponibili (Open Data), dei dati provenienti da sensori IoT, dei dati ambientali (Open Data). Può inoltre fornire un monitoraggio in tempo reale dei rischi potenziali per un immobile ottenuta attraverso un’analisi dei rischi basata su dati provenienti da sensori IoT. Tutti i dati sono acquisiti tramite piattaforma che provvede a normalizzare ed estrarre gli insights e a distribuirli alle applicazioni consumatrici. Oggi il monitoraggio viene eseguito su circa 2 milioni di immobili in tuta Italia.

Il 27 febbraio 2018, i tre progetti finalisti avranno la possibilità di presentare la loro idea alla giuria, composta da rappresentanti di Aviva Italia, di PoliHub e del Politecnico di Milano, nel corso di un elevator pitch che decreterà il vincitore dell’iniziativa. La vincitrice presentarà l’idea al Digital Garage Aviva di Londra.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter