A Roma Merck for Health, l’hackathon per le startup della salute digitale

Il 4 e 5 novembre si terrà la seconda edizione della maratona. Tra i vincitori dello scorso anno anche la startup TOMMI, che ha realizzato un sistema di realtà virtuale e gamification dedicato ai pazienti oncologici pediatrici. C'è tempo fino al 25 ottobre per iscriversi

L’appuntamento per tutte le startup della salute digitale è a Roma, il 4 e 5 novembre. A fissare la data è stata Merck, l’azienda leader nei settori Healthcare, Life Science e Performance Materials, che proprio in quei giorni organizza il Merck for Health. Un hackathon di 24 ore – promosso in collaborazione con HealthwareLabs e Digital Magics – aperto a startup, giovani talenti ed esperti di e-Health e dedicato totalmente all’healthcare e all’innovazione tecnologica.

Quella di quest’anno sarà la seconda edizione di Merck for Health. Tra i vincitori dello scorso anno anche la startup TOMMI, che ha realizzato un sistema di realtà virtuale e gamification dedicato ai pazienti oncologici pediatrici, recentemente presentato anche sul palco del Lean Startup Academy e del Web Marketing Festival 2017.

Innovare nel campo della salute digitale

Quest’anno la formula si ripete. La gara è aperta sia a team di startup già costituiti sia a singoli soggetti che, in base alle loro competenze, andranno a soddisfare le diverse challenges oggetto dell’iniziativa. I partecipanti infatti dovranno sviluppare delle soluzioni innovative riguardanti cinque macro-aree: comunicazione medico-paziente, ottimizzazione dell’assistenza dei pazienti in trattamento con ormone della crescita, miglioramento dell’esperienza durante i trattamenti per l’infertilità, supporto pratico nella quotidianità dei pazienti con Sclerosi Multipla e approccio multidisciplinare nella gestione del paziente oncologico.

Per farlo, potranno contare sui consigli e la presenza di mentor ed esperti di digital health, che insieme al top management di Merck li supporteranno durante i due giorni della maratona.

(Foto: Shutterstock)

Del resto, Merck è da sempre attenta agli sviluppo in ambito digitale e questo progetto di open innovation è soltanto una delle iniziative lanciate in questi anni per stimolare l’applicazione delle nuove tecnologie al mondo della sanità e della salute. Tra i tanti progetti lanciati ci sono l’applicazione La mia Voce per pazienti oncologici, Spot My Trial, per aiutare i pazienti ad orientarsi nel mondo delle sperimentazioni cliniche, il Premio Merck in Neurologia e il programma di (TRAS)formazione digitale, che ha coinvolto oltre 350 dipendenti italiani.

I progetti migliori volano a Dubai

«La pervasività del digitale in ambito Healthcare sta radicalmente modificando gli scenari del settore – spiega Antonio Messina di Merck Italia – una realtà come Merck, che si pone l’obiettivo di rispondere con soluzioni innovative ai bisogni dei suoi interlocutori, siano essi medici o pazienti, non può dedicarsi solo ed unicamente alla ricerca e sviluppo di nuovi farmaci».

Ecco perché si è deciso deciso di affidarsi ai giovani innovatori, per creare soluzioni veramente innovative per la salute e rispondere così a esigenze terapeutiche ancora insoddisfatte. Merck for Health prevede, per il primo classificato, un grant di 5mila euro, oltre all’opportunità di partecipare al Festival dell’Innovazione di Dubai e a un programma di accelerazione.

I due secondi classificati invece, potranno volare a Berlino per partecipare a Frontiers Health 2017 e prendere parte a un programma di accelerazione. Le iscrizioni sono già aperte e termineranno il 25 ottobre 2017.

@antcar83