Made in Italy e Lifestyle | Le due call di LUISS Enlabs. Come applicare

Fino al 25 settembre le startup possono candidarsi alla nuova edizione del Programma di Accelerazione nel Tech Hub all’interno di Roma Termini. Ma c’è anche una seconda call for applications, verticale

Due call, un unico focus, le eccellenze del Made in Italy (e lo sguardo rivolto all’estero). Fino al 25 settembre 2017 le startup possono candidarsi alla prossima edizione del Programma di Accelerazione di LUISS Enlabs che inizierà a dicembre nel Tech Hub all’interno di Roma Termini. La novità di quest’anno è rappresentata dal lancio anche di una seconda call for applications verticale rivolta anche a startup internazionali, attive in ambiti diversi. Ecco i dettagli.

Lifestyle

Dall’automotive al design, dalla moda al food, dal lusso fino al benessere nelle aziende e nella vita di tutti i giorni. Questo programma si svolgerà nella sede di prossima apertura di LUISS Enlabs a Milano. Per promuovere la call è previsto un roadshow internazionale che toccherà i principali incubatori e centri dell’innovazione dell’Europa e del Mediterraneo.

«Siamo pronti ad accogliere sempre più startup internazionali e per attirare le migliori abbiamo deciso di puntare sul Lifestyle, di cui l’Italia è leader indiscussa a livello mondiale – ha dichiarato Augusto Coppola, Managing Director dei programmi di accelerazione di LUISS Enlabs – la nostra nuova sede verrà inaugurata nei prossimi mesi nel centro di Milano, la location perfetta per un percorso interamente dedicato al lifestyle».

I programmi

Le startup, italiane e internazionali, potranno scegliere a quale delle due call rispondere e avere così la possibilità di candidarsi ai due percorsi intensivi di 5 mesi, mirati a trasformare progetti embrionali in vere e proprie aziende, in grado di fatturare. Le startup seguiranno seminari tematici e saranno accompagnate nel loro percorso (dal business development fino allo sviluppo tecnologico) da un team di mentor e da un Board of Advisor di oltre 50 membri che metteranno a disposizione il proprio set di skill e competenze. Inoltre, ciascuna startup riceverà un investimento base da LVenture Group del valore di 80mila euro, suddiviso in 30mila cash e 50mila in servizi, a fronte di una equity del 9%. Dopo i primi 2 mesi, dedicati principalmente allo sviluppo del prodotto, inizierà la fase di validazione e test sul mercato. Nell’ultimo mese le startup dovranno produrre ricavi e prepararsi per la presentazione a investitori, corporate e stampa durante il Demo Day, l’evento conclusivo dei programmi, previsto per maggio 2018.

Le location

Milano ospiterà il programma di accelerazione verticale, dedicato alle startup operanti nel settore del Lifestyle. Roma ospiterà, invece, il programma per le startup attive in tutti i settori del digitale, all’interno degli spazi di LUISS ENLABS, alla stazione Termini (via Marsala 29/h).

La selezione

Per entrambe le call la candidatura va inviata online attraverso il sito di LUISS Enlabs e finalizzata entro il 25 settembre 2017. Le startup candidate devono possedere i seguenti requisiti:

  • essere startup digitali e avere almeno un prototipo funzionante del prodotto o un’idea validata (Minimum Viable Product);
  • avere un team con un set completo di competenze, in particolare quelle di sviluppo tecnologico, disposto a trasferirsi a Roma (o Milano) per tutta la durata del programma e dedicarsi al progetto full time;
  • proporre una soluzione competitiva in un settore di mercato in forte crescita;
  • per la call su Lifestyle, operare in uno dei segmenti di riferimento.

In auto per 30mila chilometri per accompagnare la figlia al college

Huang Haitao aveva promesso a sua figlia che avrebbe attraversato 26 nazioni se fosse stata accettata in un’università americana. Quando la lettera di ammissione è arrivata da Seattle, non ha potuto far altro che partire con lei dalla Cina verso gli Stati Uniti

Diane Jooris usa la realtà virtuale per aiutare i malati di cancro. La storia

Oncomfort, azienda americana, crea software che abbassano i livelli di stress e di dolore dei pazienti affetti da cancro. La fondatrice del progetto racconta a StartupItalia! la sua esperienza che l’ha portata a pensare a questa particolare terapia