Esselunga, accordo con Satispay. Il sistema di mobile payment in 154 punti vendita

Con un click sulla app niente più coda alla cassa. La startup fondata da Alberto Dalmasso porta il mobile payment nei supermercati della grande catena

Esselunga sceglie Satispay. Il servizio di mobile payment, che consente agli utenti di scambiarsi denaro attraverso un network alternativ alla carte di credito, andrà progressivamente ad integrare il sistema di pagamento della società fondata nel 1957 e guidata fino allo scorso anno dall’imprenditore Bernardo Caprotti.

Una scelta che per Esselunga potrebbe significare anche una forte riduzione dei costi di gestione del contante e un nuovo sistema per indirizzare ai propri clienti la pubblicità dei prodotti venduti e la promozione delle proprie offerte.

 

Da Esselunga la spesa del futuro

Satispay entra a far parte di Esselunga in un modo molto semplice e comodo, soprattutto per i consumatori.

Una volta finito di fare la spesa, il cliente potrà procedere al pagamento attraverso l’app Satispay installata sul proprio smartphone selezionando il punto vendita in cui si trova (facilmente rintracciabile grazie alla geolocalizzazione), digitando l’importo del conto e, con un singolo tocco, saldando il conto che sarà automaticamente riconosciuto e accettato dalla cassa in cui si trova il cliente. Il servizio, già attivo nel punto vendita di Segrate, da lunedì 26 giugno lo sarà anche in via Losanna a Milano, e poi via via negli altri con un piano che prevede di coprire tutti i 154 supermarket in Lombardia, Toscana, Emilia Romagna, Piemonte, Veneto, Liguria e Lazio entro la fine dell’estate.

 

Satispay e i numeri del successo

Non proprio un salto nel vuoto per una catena di supermercati che, nei suoi 60 anni di storia, si è sempre comportata da precursore e operatore innovativo. Esselunga è stata la prima realtà della grande distribuzione organizzata italiana ad introdurre il codice a barre e a puntare forte su offerte personalizzate e politiche di loyalty rivolte alla propria clientela.

E anche per Satispay il risultato raggiunto, più che una sorpresa, è il coronamento di un virtuoso percorso di sviluppo. Nata con l’obiettivo di modificare le abitudini di pagamento del consumatore, col tempo il sistema si è confermato essere valido sia per le piccole realtà locali (il bar, o il negozio di quartiere), sia i grandi player del mercato (oggi aderiscono già grandi brand come Benetton, Caffè Vergnano, Domino’s Pizza, Moleskine, Old Wild West, Total Erg e poi molti altri, sono solo alcuni dei brand che collaborano con Satispay).

Ma la realtà tutta italiana del mobile payment sta anche negli oltre 270 mila download dell’app avvenuti, nei 135 mila utenti privati attivi e nei circa 16 mila esercenti aderenti al circuito. Un successo, non solo nei numeri, che Alberto Dalmasso, co-founder e CEO della startup, racconta così: “Questo è per noi un passo importante nella concretizzazione di una strategia: creare la prima soluzione di pagamento elettronico adatta a tutte le tipologie di esercenti. Ciò è possibile grazie al grande lavoro che il team Satispay ha compiuto nello sviluppare tutte le funzionalità e integrazioni necessarie a rispondere alle molteplici esigenze del mercato ed essere scelti da un’azienda come Esselunga, punto di riferimento e modello di innovazione del mondo retail, è un’importante conferma e motivo di orgoglio”.

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

#rESTATE in città coi bambini: 5 cose da fare a…Bologna

Dalla mostra interattiva Bologna Experience, al ciclo di eventi “Un’estate alla scoperta dell’Orto Botanico“.  Dall’appuntamento alla Serre dei Giardini Margherita allo spettacolo Sandokan al Teatro Testoni. Tutte le attività culturali e scientifiche per chi resta in città con i bambini

SeaSeeker, la maschera realizzata con Snapchat che scatta foto sott’acqua

È la versione subacquea degli occhiali Spectacles del social network del fantasmino. Può essere immersa per 30 minuti e fino a 45 metri di profondità per regalare ai turisti ricordi esclusivi delle loro esperienze in vacanza

Megaride, l’arma segreta Ducati: un software per ottimizzare le performance dei pneumatici in pista

Megaride, la startup di Flavio Farroni che analizza la salute dei pneumatici, stringe una partnership con Ducati per ottimizzare le performance in pista. Questa l’arma segreta che ha regalato a Dovizioso la vittoria nella gara austriaca della MotoGP?

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti