La startup che mette in contatto i giovani talenti con le aziende. NETtoWORK

La startup di Manuel Bregolin vuole mettere in contatto i profili junior e il mondo del lavoro, per aiutare le aziende e chi esce dal mondo della scuola o università ad entrare in contatto e a fare rete sul territorio

Iscrizione gratuita. Profilazione psico-attitudinale dei candidati. Videocurricula come strumento di differenziazione e selezione. Incontri personali tra giovani e aziende in contesti extra-lavoro orientati alle PR. Formazione specialistica sull’approccio ai colloqui di lavoro. Ottimizzazione della propria web identity. Questi gli obiettivi di NETtoWORK, startup che vuole mettere in contatto i profili junior e il mondo del lavoro, per aiutare le aziende e chi esce dal mondo della scuola o università ad entrare in contatto ed a fare rete sul territorio.  Non un sito di annunci di lavoro né un’agenzia di ricerca del personale ma una vera e propria piattaforma di incontri B2B, dedicata ai profili junior che fa del video curriculum l’asse portante (con un sistema di filtraggio delle risorse: dati anagrafici, background formativo, competenze tecniche, caratteristiche psicoattitudinali). Uno strumento per le aziende che devono trovare una risorsa, un’opportunità da cogliere per tutti coloro che, terminati gli studi, si affacciano al mondo del lavoro. L’idea di questa startup è di Manuel Bregolin, torinese, 34 anni, manager con alle spalle un passato in Fiat Group, Accenture e Lidl Italia. «So per esperienza – ha detto – quanto sia difficile trovare il candidato ideale per le aziende e quanto sia difficile emergere per i giovani. Ho voluto creare una piattaforma che permetta alla domanda e all’offerta di incontrarsi, ottimizzando tempi e costi per le Aziende e dando la possibilità ai giovani di lasciare realmente il segno».

NETtoWORK

Il videocurriculum

Al centro della startup, dicevamo, la possibilità di raccontarsi in video. Il videocurriculum è uno strumento comodo e veloce per l’azienda che ha la possibilità di fare una prima valutazione del candidato, utile per i giovani che hanno la possibilità di raccontarsi e distinguersi: 90 secondi per presentare esperienze e competenze. Un’immagine diretta, in prima persona, dove al racconto biografico a viva voce si accompagnano gesti, espressioni, elementi comunicativi non verbali che il tradizionale curriculum cartaceo, sempre più standardizzato, non può veicolare. Uno strumento che lascia emergere capacità comunicative, creatività e originalità del candidato.

Come funziona NETtoWORK

La piattaforma è pensata per offrire un aiuto a chi muove i primi passi nel mondo del lavoro ed ha dunque necessità di fare rete con le aziende del territorio. I giovani potranno: registrarsi, compilare il proprio profilo con le informazioni personali e sostenere test psicoattitudinali per la definizione delle loro peculiarità caratteriali e caricare il proprio video cv. Potranno poi consultare i tutorial con consigli per la realizzazione del video cv. Essere visibili, essere salvati fra i preferiti, recensiti e contattati dalle aziende. Per quanto riguarda le aziende, queste potranno registrarsi e accedere a tutti i profili dei candidati in totale libertà senza essere viste dai candidati, visionare i video cv e contattare direttamente le risorse più interessanti, salvare fra i preferiti i profili più interessanti per necessità future. Oltre ai servizi standard gratuiti sono previsti per i giovani anche dei servizi premium in abbonamento. La piattaforma è attiva in tutta Italia.  L’area della Città Metropolitana di Torino è “pilota” di questo progetto, dove tutti i servizi rivolti ai giovani sono già attivi.

Road to #SIOS17 | Musement: ecco come quattro italiani hanno ripensato al modo di fare vacanza

Tre amici e un’intuizione geniale: storia della startup italiana che ripensa le esperienze di viaggio. In attesa del nuovo StartupItalia! Open Summit di dicembre 2017 intervista a Claudio Bellinzona di Musement, una delle dieci startup finaliste dell’ultimo SIOS

La nuova sneaker di Vivobarefoot è fatta solo con le alghe

L’azienda britannica è pronta a lanciare sul mercato delle calzature anfibie in collaborazione con Bloom Foam. Sono le prime al mondo prodotte a partire dalla vegetazione delle acque inquinate

NotPetya: quando un solo malware è responsabile di miliardi di perdite. I numeri rivelati dalle aziende

I dati pubblicati delle aziende nei rapporti periodici forniscono informazioni sull’impatto del malware. AP Moller-Maersk ha annunciato che l’attacco ha causato perdite per almeno 200 milioni di dollari