Accordo Digital Magics e BacktoWork24 per sostenere le startup italiane

L’obiettivo è strutturare programmi di Open Innovation e creare innovazione aperta, migliorando processi, prodotti e servizi industriali, grazie alle innovazioni apportate dalle startup e ai reciproci network di partner

Digital Magics e BacktoWork24, società del Gruppo 24 ORE, hanno firmato un accordo di partnership per lo sviluppo di startup innovative digitali e di programmi di Open Innovation per le imprese italiane. BacktoWork24 offre soluzioni integrate per favorire l’investimento di risorse finanziarie e competenze professionali da parte di manager e investitori in piccole imprese e startup e organizzerà 4 incontri dedicati alle neoimprese di Digital Magics: il primo si è svolto il 10 maggio a Milano nella sede di via Monte Rosa. Durante il Club Deal, evento di matching che vede riuniti investitori privati, manager, dirigenti e professionisti, Digital Magics ha presentato le proprie startup in fase di funding al network di BacktoWork24.

Digitalmagics

Digital Magics e BacktoWork24 lavoreranno per

strutturare programmi di Open Innovation con l’obiettivo di creare innovazione aperta, migliorando processi, prodotti e servizi industriali, grazie alle innovazioni apportate dalle startup

e ai reciproci network di partner. I manager-investitori di BacktoWork24 potranno anche affiancare i giovani talenti e neoimprenditori mettendo a disposizione le proprie competenze professionali e lavorando a stretto contatto con loro e con il team di Digital Magics.

 

No Commenti a “Accordo Digital Magics e BacktoWork24 per sostenere le startup italiane”

  1. AndyT

    Un progetto molto promettente, che prende atto del fatto che la preparazione al mondo del Lavoro deve iniziare ben prima del dopo-Laurea!

    Sarebbe interessante estenderne l’uso anche a lavoratori e disoccupati over 25, comunque.

    Rispondi
  2. Giorgia

    concordo con andyT, purtroppo il precariato va ben oltre i 25 anni, e potrebbe essere una rete interessante anche più estesa.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rocket Lab ha lanciato il primo razzo con il motore stampato in 3D

Il test di lancio è avvenuto il 25 maggio in Nuova Zelanda e ha dimostrato la capacità di Electron di portare in orbita piccoli satelliti e di rendere lo spazio un po’ più accessibile a tutti