Salute e benessere, la call per studenti di BNP Paribas Cardif. #TheIdea4U

La compagnia seleziona giovani innovatori in un contest sulla progettazione di prodotti assicurativi digitali di Smart-Health e wellness, dedicati a stile di vita e salute

La compagnia assicurativa BNP Paribas Cardif ha aperto la call per #TheIdea4U, un contest per gli studenti delle università italiane: giovani, motivati, creativi, ma soprattutto nativi digitali. Il contest è ideato per

individuare giovani innovatori che si sfideranno nella progettazione di prodotti assicurativi digitali di Smart-Health e wellness, dedicati a stile di vita e salute.

I progetti, da presentare entro il 26 maggio, dovranno approfondire diversi aspetti, dall’analisi di mercato allo sviluppo del concept, dalla definizione dell’interfaccia digitale e del set di Big Data e Analytics da raccogliere sino alla strategia di comunicazione, ai potenziali partner da coinvolgere e ai vantaggi per i clienti e per la Compagnia.

#TheIdea4U

I candidati che proporranno le idee più innovative, valutati da una commissione composta da Isabella Fumagalli, Amministratore Delegato di BNP Paribas Cardif in Italia, e da altri top manager della Compagnia, saranno invitati a partecipare ad una final battle in programma a Milano presso la Diamond Tower BNP Paribas (nella foto). Il vincitore otterrà un’esclusiva opportunità di stage all’interno della Direzione Marketing di BNP Paribas Cardif, con la possibilità di supportare la Compagnia nelle attività di sviluppo di prodotti assicurativi innovativi. QUI per candidarsi.

In auto per 30mila chilometri per accompagnare la figlia al college

Huang Haitao aveva promesso a sua figlia che avrebbe attraversato 26 nazioni se fosse stata accettata in un’università americana. Quando la lettera di ammissione è arrivata da Seattle, non ha potuto far altro che partire con lei dalla Cina verso gli Stati Uniti

Diane Jooris usa la realtà virtuale per aiutare i malati di cancro. La storia

Oncomfort, azienda americana, crea software che abbassano i livelli di stress e di dolore dei pazienti affetti da cancro. La fondatrice del progetto racconta a StartupItalia! la sua esperienza che l’ha portata a pensare a questa particolare terapia