Il team che ha vinto le selezioni di Brandstorm in Italia, il contest per talenti di L’Oréal. Arjal

Il team ha vinto la brand challenge del contest. I partecipanti hanno dovuto ideare innovazioni in grado di “reinventare” la routine di cura personale dell’uomo per il marchio L’Oréal Paris Men Expert

Brandstorm è una delle maggiori competizioni per studenti al mondo, con oltre 95.000 partecipanti da più di 61 paesi in 25 anni ed è uno degli strumenti che L’Oréal utilizza per aprirsi ai talenti. In Italia, l’edizione 2017 ha coinvolto il numero maggiore di studenti di Brandstorm in Italia: 781 iscritti sulla piattaforma provenienti da 12 università. Brandstorm è un business game di marketing che l’azienda organizza ogni anno in tutte le sue divisioni internazionali per reclutare menti da tutto il mondo. «Un formidabile incubatore di idee e di talenti» aveva sottolineato Mathilde Durand, Direttore Reclutamento di L’Oréal Italia, a StartupItalia! Alla fine di aprile 2017 si è tenuta una delle selezioni. Hanno vinto i ragazzi del team Arjal, composto da Arianna Marta, Jacopo Massei e Alessandro Vaghi, dell’università Cattolica del Sacro Cuore,  con un progetto innovativo il cui protagonista è un prodotto gel in capsule per viso, mani e corpo che idrata, rinfresca e profuma con un semplice battito di mani. Per la finale nazionale del 26 aprile, L’Oréal Italia ha coinvolto H-FARM,  l’incubatore di startup che ha sviluppato progetti per l’education e per la formazione aziendale.

Leggi anche: L’Oréal chiede agli studenti di giocare a fare i manager per trovare nuove idee di business
Brandstorm

I ragazzi del team Arjal dell’università Cattolica del Sacro Cuore. Hanno vinto le selezioni di Brandstorm Italia

Verso l’Innovation Fair di L’Oréal

Il team parteciperà alla selezione regionale il 3 maggio 2017 con l’obiettivo di essere tra i migliori gruppi internazionali selezionati per la prima Innovation Fair di L’Oréal in programma a Parigi il 15 giugno 2017. I giovani innovatori avranno l’opportunità di promuovere i propri progetti e convincere le giurie, composte da brand expert, manager di L’Oréal e giornalisti specializzati, mentre visitano la fiera.

Strumento per individuare i top talenti

«Brandstorm costituisce per noi un importante strumento per individuare i top talenti – ha dichiarato Arnaud Hermitte Direttore Risorse Umane L’Oréal Italia – e reclutare i migliori candidati per posizioni in diversi mestieri quali marketing, finanza, commerciale o digitale. Anche quest’anno i finalisti dell’edizione italiana hanno avuto una grande opportunità di confrontarsi con i professionisti di H-FARM che hanno aiutato ragazzi a pensare in modo ancora più innovativo e digitale. La sfida del 2017 – ha aggiunto – è stata ancora più importante per i partecipanti. Infatti il Gruppo al di là dell’analisi delle proposte e della loro fattibilità, ha l’obiettivo di diventare effettivamente un incubatore, che si impegna a trasformare in realtà le idee più innovative».

Incubatore di innovazione

L’Oréal per questa edizione ha trasformato il concept facendo sì che il business game diventi una sorta di incubatore di innovazione per talenti e progetti per permettere agli studenti di andare oltre l’esperienza di calarsi nei panni di un collaboratore L’Oréal e di trasformare in realtà le loro idee innovative. Attraverso esperienze online sui canali social e tramite contatti diretti con l’azienda nei campus universitari, è un’occasione unica di avvicinarsi alla realtà di una grande multinazionale.

In auto per 30mila chilometri per accompagnare la figlia al college

Huang Haitao aveva promesso a sua figlia che avrebbe attraversato 26 nazioni se fosse stata accettata in un’università americana. Quando la lettera di ammissione è arrivata da Seattle, non ha potuto far altro che partire con lei dalla Cina verso gli Stati Uniti

Diane Jooris usa la realtà virtuale per aiutare i malati di cancro. La storia

Oncomfort, azienda americana, crea software che abbassano i livelli di stress e di dolore dei pazienti affetti da cancro. La fondatrice del progetto racconta a StartupItalia! la sua esperienza che l’ha portata a pensare a questa particolare terapia