Ferragamo sceglie la startup dei tessuti fatti di agrumi. La Orange Fiber Capsule Collection

La maison sceglie la startup per la prima collezione moda realizzata con tessuti ricavati dai sottoprodotti della lavorazione industriale delle arance

Salvatore Ferragamo e Orange Fiber, la startup di Adriana Santanocito ed Enrica Arena che produce innovativi tessuti eco-sostenibili, hanno lanciato in occasione della Giornata della Terra 2017, la prima collezione di moda realizzata con tessuti ottenuti dai sottoprodotti della spremitura delle arance. Salvatore Ferragamo è il primo marchio ad utilizzare l’esclusivo tessuto Orange Fiber. Cogliendo l’essenza e le potenzialità espressive dell’innovativo tessuto ricavato dagli agrumi, Salvatore Ferragamo ha dato vita ad una Capsule Collection, omaggio alla creatività mediterranea. Più esattamente così è nata la Orange Fiber Capsule Collection.

Leggi anche: I tessuti fatti di agrumi di Orange Fiber vincono il Global Change Award di H&M
Ferragamo

Ferragamo Orange Fiber Collection

Moda, innovazione e design

La Orange Fiber Capsule Collection è impreziosita dalle stampe di Mario Trimarchi, architetto e designer, Compasso d’Oro 2016, e dalla sua interpretazione dello scenario mediterraneo. Vere e proprie stampe d’autore che danno vita una collezione di tagli e linee essenziali su camicie, abiti, pantaloni e foulard.  Grazie alla Ferragamo Orange Fiber Collection concetti chiave quali “sostenibilità” e “rispetto dell’ambiente” si coniugano con il design e l’eccellenza della moda italiana, per dare nuova forma e contenuto al concetto di lusso.

Dagli scarti delle arance a un prodotto d'alta moda. Ecco il risultato dell'unione di un grande marchio con una grande…

Geplaatst door Tree op dinsdag 25 april 2017

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rocket Lab ha lanciato il primo razzo con il motore stampato in 3D

Il test di lancio è avvenuto il 25 maggio in Nuova Zelanda e ha dimostrato la capacità di Electron di portare in orbita piccoli satelliti e di rendere lo spazio un po’ più accessibile a tutti