The Energy Audit (MIPU) in Cina grazie al The Chinitaly Challenge del Politecnico di Milano

Il progetto dell’acceleratore di Salò ha in programma un roadshow con investitori e imprese cinesi

The Energy Audit è una delle startup di MIPU, acceleratore fondato nel 2012 e basato a Salò, ed è specializzata nell’efficienza energetica e nella diagnosi energetica predittiva. Già nel 2016, dopo aver vinto la K Startup Grand Challenge tra 2400 imprese innovative da tutto il mondo, ha aperto una sede in Corea del Sud per esplorare i mercati orientali. E ora vola in Cina per incontrare investitori e imprese di diverse province dell’Estremo Oriente, grazie a The Chinitaly Challenge: scale up for success organizzata dal Politecnico di Milano e dalla China Association for International Science and Technology Cooperation e supportata dal Ministero della Scienza e Tecnologia della Repubblica Popolare di Cina e dal MIUR.

MIPU

Eleonora Carta, ad di The Energy Audit

Tecnologia e know-how interamente italiani

«È una grande opportunità poter andare in Cina a mostrare come tecnologia e know-how interamente italiani possono aiutare le imprese di tutto il mondo non solo ad aver maggiori profitti, riducendo sprechi energetici, ma anche ad entrare nel futuro dell’industria 4.0 connessa e predittiva – ha dichiarato Eleonora Carta, Amministratore Delegato di The Energy Audit – il nostro approccio sta piacendo anche nei paesi asiatici. Paesi come la Corea, per mantenere la leadership nella produzione di automobili, cellulari, in generale tecnologia, prestano molta attenzione all’efficientemente e ai costi specifici di ogni singolo pezzo prodotto. Per questo hanno iniziato a guardare con molto interesse agli algoritmi di machine learning, ancora poco conosciuti in quei paesi, ma indispensabili per competere sui mercati mondiali».

Diagnosi e manutenzione predittiva

The Energy Audit ha sviluppato soluzioni di machine learning per la diagnosi e la manutenzione predittiva in ambito energetico: attraverso le due piattaforme software proprietarie aiuta le imprese a utilizzare i dati relativi all’energia non solo per monitorare i consumi energetici e ottimizzare l’utilizzo dell’energia, riducendo i costi, ma anche e soprattutto per diagnosticare anticipatamente le problematiche, migliorando l’intero funzionamento dell’impianto. Tra le varie applicazioni, con il software di The Energy Audit, è possibile prevedere la necessità di acqua per esempio di una città, studiando il modello di consumo e di comportamento dei suo utilizzatori civili e industriali. È inoltre possibile intercettare gli sprechi e le perdite, intervenendo ad esempio a quel 40% di acqua estratta in Italia che non arriverà mai all’utilizzatore finale.

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

Petit Pli, gli abiti progettati per crescere insieme ai bambini

Petit Pli è una tuta sportiva neutra e impermeabile il cui tessuto si allunga e si adatta perfettamente a bambini dai 6 mesi ai 3 anni. In questo modo i genitori non saranno costretti a comprare di continuo vestiti per i loro figli in crescita

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti