Automotive, la realtà aumentata di FCA e Accenture (Google e Lenovo) | Infografica

Fiat Chrysler Automobiles, in collaborazione con Accenture Interactive, ha sviluppato un’app in grado di ricreare un esemplare virtuale di una Jeep, in scala 1:1. La tecnologia si basa su Tango, progetto di Google

Dai primi prototipi su occhiali sviluppati da Ivan Sutherland nel 1968 alle 737 startup che sviluppano sistemi di realtà aumentata quotate su Angel List per un valore medio di4,7 milioni di dollari fino ai 500 milioni di download di Pokémon Go, nel 2016. Ebbene la realtà aumentata, i cui utenti, secondo le stime di Accenture, cresceranno nei prossimi 5 anni del 35%, entra anche nei concessionari di auto. Chi sta per acquistare una Jeep Compass potrà interagire con la vettura, girarci intorno e guardare anche al suo interno, anche se è fisicamente esposta nello showroom. Tutto questo grazie a Jeep Compass Visualiser, app in grado di ricreare un esemplare virtuale del mezzo davanti agli occhi dei clienti, in scala 1:1. L’applicazione è stata sviluppata da Fiat Chrysler Automobiles – FCA in collaborazione con Accenture Interactive, la digital agency parte di Accenture Digital, e si basa su Tango, la tecnologia per la realtà aumentata di Google che consente ai dispositivi mobili di navigare nel mondo reale interagendo con la realtà virtuale. La tecnologia è stata ottimizzata per lo smartphone Lenovo Phab 2 Pro, il primo dispositivo compatibile con Tango. FCA e Accenture hanno presentato il prototipo dell’applicazione al Mobile World Congress di Barcellona a febbraio 2016.

Realtà aumentata

Esperienza innovativa e personalizzata

«Con le tecnologie digitali – ha spiegato  Teodoro Lio, Managing Director, Accenture Automotive Lead per Italia, Europa Centrale e Grecia – i consumatori stanno cambiando le aspettative rispetto al processo di acquisto. Quando si recano presso le concessionarie i clienti apprezzano la possibilità di vivere un’esperienza innovativa e personalizzata, come quella di visualizzare ed esplorare l’auto di loro interesse anche se non ancora fisicamente disponibile. Oggi più che mai produttori e dealer devono collaborare e innovare per soddisfare le esigenze di un consumatore sempre più digitalizzato, che si aspetta una esperienza di acquisto coinvolgente e integrata tra on-line ed off-line».

automotive

Jeep Compass Visualiser

Nella jeep, con lo smartphone

Il Jeep Compass Visualiser consente di visualizzare, configurare, girare attorno e guardare all’interno di un’esemplare virtuale della vettura riprodotto in dimensioni reali. Gl utenti possono scegliere e cambiare il colore della carrozzeria e la configurazione dei cerchi. Le porte possono essere aperte per scoprire l’abitacolo. Con un semplice tocco sullo schermo del dispositivo si possono cambiare i colori dei rivestimenti interni. Mentre la vettura è visualizzata sullo schermo del dispositivo, l’esemplare virtuale si sposta in relazione ai movimenti dell’osservatore.

La tecnologia Tango

Tango utilizza la visione computerizzata per consentire al dispositivo mobile di rilevare la propria posizione nel mondo reale, riducendo così la distanza tra il mondo digitale in 2D e il mondo fisico in 3D. In questo modo, il dispositivo mobile è in grado di mappare l’ambiente che lo circonda a 360° e di navigare nel mondo reale proprio come fanno gli esseri umani. La app sviluppata da Accenture su questo sistema si basa su sensori integrati, rilevamento del movimento, apprendimento di area e percezione della profondità per generare le interazioni. Non è necessaria alcuna connettività internet o GPS.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

L’empowerment delle donne passa per l’impegno delle aziende. NTT DATA per #STEMintheCity

L’azienda giapponese dell’ITC ha organizzato due incontri nell’ambito dell’iniziativa del Comune di Milano per avvicinare le ragazze alle materie scientifiche, che si inseriscono in un percorso più ampio dedicato all’empowerment femminile

Tidal Vision, la startup dell’Alaska che trasforma gli scarti dell’oceano in vestiti

Partito nel 2015 su Kickstarter, il progetto di Craig Kasberg si propone di recuperare la pelle di salmone o i gusci dei crostacei per ottenere capi di abbigliamento sostenibili che rispettino l’ambiente e contrastino gli effetti negativi della cosiddetta fast fashion