Moduli elettrici a guida autonoma. Il progetto Next Future Transportation

A SMAU Padova anche il progetto di FabCube che ha sviluppato unità modulari a trazione elettrica e guida autonoma controllate da un sistema informatico che si interfaccia con la app sul dispositivo dell’utilizzatore

Next Future Transportation è un sistema di trasporto pubblico che potremmo definire futuristico, composto da unità modulari a trazione elettrica e guida autonoma controllate da un sistema informatico che si interfaccia con la app sul dispositivo dell’utilizzatore. Nel progetto, che sarà tra i protagonisti a SMAU Padova il 30 e 31 marzo (nello stand FabCube), c’è anche Emmanuele Spera co-founder e ceo, con il designer  founder Tommaso Gecchelin. Ecco cosa hanno raccontato a StartupItalia! i ragazzi del team a proposito dello sviluppo di Next Future Transportation, una delle 10 startup accelerate a FabCube, l’incubatore diffuso nato dall’unione di sei FabLab veneti.

Leggi anche: Le 10 startup di FabCube, la rete di Fablab del Veneto che sostiene i progetti innovativi

Next Future Transportation

Di che si occupa Next?

«Next sviluppa veicoli modulari, elettrici e a guida autonoma. Questi moduli viaggiano sulle strade tradizionali, ma hanno il vantaggio innovativo di potersi connettere fisicamente in movimento, creando uno spazio aperto condiviso, che permette ai passeggeri ed alle merci di ridistribuirsi tra i veicoli connessi. Next crea così un nuovo livello di logistica interna ai veicoli, che massimizza il tasso di occupazione, minimizzando fino al 75% il traffico, i consumi, i costi per passeggero e i tempi di viaggio. Inoltre i veicoli possono unirsi anche a moduli di servizio, come bar, shop e toilette, che aggiungono comfort al viaggio on demand».

Come è nata l’idea del progetto?
«L’idea è nata qualche anno fa come tesi di laurea in disegno industriale del fondatore, Tommaso Gecchelin, ma unisce una profonda analisi matematica delle dinamiche logistiche, unita alle potenzialità della robotica avanzata e dell’ingegneria del veicolo, incentrata sempre sulle necessità reali degli utenti della strada, i passeggeri».

Come si è sviluppata?
«Dopo 2 anni dopo di sviluppo da parte di Tommaso, si è unito al team Emmanuele con l’apertura dell’azienda negli USA. Con l’aiuto di vari sponsor (tra cui Geico Taikisha e 5W srl) il team si espande e sviluppa due prototipi funzionanti in scala e due unità in dimensioni reali statiche. Con questi, Next approda a Dubai, vincendo un concorso di accelerazione di startup, e portando a casa il contratto per un progetto pilota nella città araba. Il team italiano diretto da Tommaso Gecchelin che sviluppa il progetto, vince il bando della Regione Veneto per il consolidamento di startup innovative, aprendo GetPlus srl incubata dal Fablab di Vittorio Veneto ed ospitata da FabCube nella sede di Padova».

In quanti lavorano a  Next Future Transportation?
«Al momento Next Future Transportation inc. ha come cliente principale la città di Dubai, per un progetto pilota le cui trattative economiche sono attualmente confidenziali. L’interesse nel prodotto è notevole anche da diverse smart-city americane, europee ed asiatiche come Singapore. Il team di sviluppo italiano è composto da 5 persone, mentre includendo al società con sede americana si parla di circa 15 persone».

Perché Next Future è un progetto innovativo?

«A differenza del settore IT ed automotive nel mondo che si sta concentrando sulla guida autonoma fine a se stessa, Next sfrutta gli aspetti più rivoluzionari di queste tecnologie di automazione, come la possibilità di unire veicoli in movimento con grande precisione. L’idea di modularità e ridistribuzione del carico e dei passeggeri tra veicoli accoppiati è stata brevettata negli stati uniti ed è in fase di espansione a livello internazionale».

Di quali risultati andate particolarmente fieri?
«Avere l’attenzione delle più grosse testate internazionali, dello Sceicco di Dubai e di innumerevoli città nel mondo è il primo passo di un percorso di creazione di un prodotto ed un servizio che sarà in grado di trasformare radicalmente il nostro concetto di mobilità».

Progetti futuri.
«Dopo il progetto pilota a Dubai, Next e Getplus intendono sviluppare industrialmente i veicoli per venderli prima in contesti controllati e gradualmente espandere il bacino di utenza ai trasporti cittadini e tra città»

Le impressioni sul percorso di accelerazione a FabCube.
«Getplus è stata accolta con molto entusiasmo da FabCube ed in particolare da Alessandro dal Col e da Dino Vincoletto, che hanno accompagnato la branch italiana con facilità nei passi cruciali per l’apertura della società ed aiutando con grande professionalità e competenza, essenziale per una startup innovativa. Con Alessandro, Dino e Filippo Prataviera stiamo ora stiamo immaginando un percorso di messa in rete con tutte le altre startup innovative e PMI innovative che ruotano intorno alla rete FabCube in un’ottica di open innovation».

Leggi anche: L’auto del futuro ideata da due talenti italiani: modulare ed ecologica, si ricarica in corsa

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

Petit Pli, gli abiti progettati per crescere insieme ai bambini

Petit Pli è una tuta sportiva neutra e impermeabile il cui tessuto si allunga e si adatta perfettamente a bambini dai 6 mesi ai 3 anni. In questo modo i genitori non saranno costretti a comprare di continuo vestiti per i loro figli in crescita

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti