Tecnologia e università per le reti del futuro. La 5G Innovators Initiative di Ericsson e Intel

5G Innovators Initiative unisce le aziende leader nella tecnologia, le aziende di riferimento di diversi settori e il mondo accademico per esplorare, sperimentare e innovare negli Stati Uniti con la rete 5G e la tecnologia distributed edge

Esplorare, sperimentare e innovare negli Stati Uniti con la rete 5G. Un approccio unico di progetti pilota che promette di trovare nuovi metodi di trasformazione per le aziende e le società utilizzando la tecnologia 5G e sviluppando progetti sperimentati e testati. Questi gli obiettivi di 5G Innovators Initiative, la partnership tra EricssonIntel con Honeywell, GE e l’Università della California – Berkeley. L’iniziativa di Ericsson e Intel è un’iniziativa aperta a tutti i settori e progettato per sviluppare esperienze di trasformazione che cambino la vita, le imprese e la società. 5GI2 riunirà i principali produttori, aziende di riferimento nella tecnologia, leader del settore e le migliori università per esplorare, sperimentare e innovare usando la rete 5G e la tecnologia distributed edge con l’obiettivo di accelerare l’adozione di soluzioni wireless e infrastrutture 5G innovative negli Stati Uniti. Honeywell, GE e l’Università della California – Berkeley sono stati i primi ad aderire all’iniziativa.

Ericsson

Ulf Ewaldsson, Chief Strategy and Technology Officer di Ericsson

Internet delle Cose Industriale e droni

5GI2 si concentrerà prima di tutto sull’Internet delle Cose Industriale (IIOT) e sullo sviluppo di progetti pilota per l’applicazione di diverse tecnologie, tra cui la realtà aumentata e virtuale per droni di pronto intervento in ambienti pericolosi e altri esempi di utilizzo. I progetti pilota includeranno la progettazione passo-passo della rete, del cloud e dei requisiti di connettività 5G – dalla velocità e la reattività, alla sicurezza e alla capacità di analisi. Con l’ingresso di nuovi partner ci si aspetta che i progetti pilota si estenderanno ad altri settori in cui il 5G abiliterà miglioramenti nella società, come la guida autonoma, le città intelligenti e connesse, la sanità e i media. I progetti pilota potranno anche agevolare l’accessibilità e la trasparenza dei risultati, incoraggiando i progressi a sostegno dello standard 5G per il settore e la validazione di nuovi modelli di business.

Soluzioni sostenibili per la digitalizzazione

«Questo programma è totalmente in linea con i programmi 5G già avviati da Ericsson, come 5G for Sweden e 5G for Europe. Questa collaborazione riunisce fornitori di tecnologia, partner industriali e le università mettendo a fattor comune le necessarie competenze al fine di trovare soluzioni sostenibili per la digitalizzazione e trasformazione di altri settori» ha spiegato Ulf Ewaldsson, Chief Strategy and Technology Officer di Ericsson. Per Asha Keddy, Vice President e General Manager di Next Generation Standards, Intel Communications e Devices Group, «il 5G non è semplicemente un mezzo per rendere gli smartphone più veloci, ma una soluzione che permetterà di connettere macchine e oggetti, promuovendo un nuovo futuro più intelligente e smart. Costruire il nostro futuro sul 5G richiede un nuovo approccio per la collaborazione e lo sviluppo del settore. L’iniziativa 5GI2 combina i punti di forza tecnologici e il capitale intellettuale di ciascuno dei partecipanti per costruire progetti passo dopo passo per le prime applicazioni delle reti 5G, i servizi IoT e cloud e porterà nuova forme di valore a diversi settori».

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La call di dpixel per il secondo programma di accelerazione di Barcamper Ventures

Le startup possono applicare fino al 5 giugno. Il percorso inizierà a settembre 2017, si terrà a Bologna e includerà fino a venti progetti innovativi nel campo della tecnologia e del digitale

Videoarte e tecnologie: dal 27 aprile torna il Media Art Festival, con un concorso per le scuole

Il filo rosso di questa edizione è “L’arte che cambia il mondo”, grazie anche ai laboratori creativi per lo sviluppo sostenibile, realizzati con scienziati e maker. Gli studenti saranno coinvolti con scienziati e artisti in progetti sullo sviluppo sostenibile

Tidal Vision, la startup dell’Alaska che trasforma gli scarti dell’oceano in vestiti

Partito nel 2015 su Kickstarter, il progetto di Craig Kasberg si propone di recuperare la pelle di salmone o i gusci dei crostacei per ottenere capi di abbigliamento sostenibili che rispettino l’ambiente e contrastino gli effetti negativi della cosiddetta fast fashion