Tecnologia e università per le reti del futuro. La 5G Innovators Initiative di Ericsson e Intel

5G Innovators Initiative unisce le aziende leader nella tecnologia, le aziende di riferimento di diversi settori e il mondo accademico per esplorare, sperimentare e innovare negli Stati Uniti con la rete 5G e la tecnologia distributed edge

Esplorare, sperimentare e innovare negli Stati Uniti con la rete 5G. Un approccio unico di progetti pilota che promette di trovare nuovi metodi di trasformazione per le aziende e le società utilizzando la tecnologia 5G e sviluppando progetti sperimentati e testati. Questi gli obiettivi di 5G Innovators Initiative, la partnership tra EricssonIntel con Honeywell, GE e l’Università della California – Berkeley. L’iniziativa di Ericsson e Intel è un’iniziativa aperta a tutti i settori e progettato per sviluppare esperienze di trasformazione che cambino la vita, le imprese e la società. 5GI2 riunirà i principali produttori, aziende di riferimento nella tecnologia, leader del settore e le migliori università per esplorare, sperimentare e innovare usando la rete 5G e la tecnologia distributed edge con l’obiettivo di accelerare l’adozione di soluzioni wireless e infrastrutture 5G innovative negli Stati Uniti. Honeywell, GE e l’Università della California – Berkeley sono stati i primi ad aderire all’iniziativa.

Ericsson

Ulf Ewaldsson, Chief Strategy and Technology Officer di Ericsson

Internet delle Cose Industriale e droni

5GI2 si concentrerà prima di tutto sull’Internet delle Cose Industriale (IIOT) e sullo sviluppo di progetti pilota per l’applicazione di diverse tecnologie, tra cui la realtà aumentata e virtuale per droni di pronto intervento in ambienti pericolosi e altri esempi di utilizzo. I progetti pilota includeranno la progettazione passo-passo della rete, del cloud e dei requisiti di connettività 5G – dalla velocità e la reattività, alla sicurezza e alla capacità di analisi. Con l’ingresso di nuovi partner ci si aspetta che i progetti pilota si estenderanno ad altri settori in cui il 5G abiliterà miglioramenti nella società, come la guida autonoma, le città intelligenti e connesse, la sanità e i media. I progetti pilota potranno anche agevolare l’accessibilità e la trasparenza dei risultati, incoraggiando i progressi a sostegno dello standard 5G per il settore e la validazione di nuovi modelli di business.

Soluzioni sostenibili per la digitalizzazione

«Questo programma è totalmente in linea con i programmi 5G già avviati da Ericsson, come 5G for Sweden e 5G for Europe. Questa collaborazione riunisce fornitori di tecnologia, partner industriali e le università mettendo a fattor comune le necessarie competenze al fine di trovare soluzioni sostenibili per la digitalizzazione e trasformazione di altri settori» ha spiegato Ulf Ewaldsson, Chief Strategy and Technology Officer di Ericsson. Per Asha Keddy, Vice President e General Manager di Next Generation Standards, Intel Communications e Devices Group, «il 5G non è semplicemente un mezzo per rendere gli smartphone più veloci, ma una soluzione che permetterà di connettere macchine e oggetti, promuovendo un nuovo futuro più intelligente e smart. Costruire il nostro futuro sul 5G richiede un nuovo approccio per la collaborazione e lo sviluppo del settore. L’iniziativa 5GI2 combina i punti di forza tecnologici e il capitale intellettuale di ciascuno dei partecipanti per costruire progetti passo dopo passo per le prime applicazioni delle reti 5G, i servizi IoT e cloud e porterà nuova forme di valore a diversi settori».

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dai soldi al network, i 4 contributi delle corporate alle startup. Il caso Tecno a Napoli

Il contributo di una corporate alla startup, secondo L’advisor Giovanni De Caro, dovrebbe essere erogato secondo una precisa scala di priorità. L’open innovation di una società di Napoli e le modalità di investimento nelle startup