Bosch sceglie BeMyEye per ottimizzare le vendite

La multinazionale, alla ricerca di un metodo più efficace per il monitoraggio instore per verificare la propria visibilità e l’efficacia del processo di formazione degli addetti, ha decido di affidarsi alla startup

Bosch era alla ricerca di un sistema di monitoraggio diverso da quello tradizionale, per abbattere i costi e ridurre i tempi. BeMyEye ha un network di oltre 350 mila collaboratori on demand, gli “Eye”, che grazie all’app sullo smartphone riescono a svolgere attività di rilevazione di informazioni specifiche in qualunque punto vendita, e il cliente riceve in tempo reale i feedback. Queste le ragioni alla base della partnership tra la multinazionale degli elettrodomestici e la startup. Obiettivo? Ottimizzazione delle performance nel punto vendita e al miglioramento della consumer experience. «Oggi la disponibilità di dati –  ha spiegato Roberta Parmini, Direttore Commerciale di BeMyEye – dal mondo reale rappresenta una necessità imprescindibile per le aziende, che devono poter intervenire rapidamente laddove necessario. Grazie al crowd siamo entrati in una nuova era, con rilevazioni di dati veloci, capillari, precisi e sostenibili economicamente come mai prima. Come dimostra il successo del progetto realizzato con Bosch, BeMyEye può rappresentare il partner ideale per tutte le attività volte a migliorare la performance instore».

be my eye

Insight in tempo reale sulla brand visibility

«In un mercato altamente competitivo come quello in cui operiamo, ottenere insight in tempo reale sulla brand visibility e sull’efficacia delle campagne intraprese è fondamentale per prendere decisioni strategiche – ha aggiunto Manuela Ricci, Trade Marketing Manager BSH Elettrodomestici – oggi i servizi di BeMyEye sono diventati parte integrante dei processi aziendali di valutazione della performance in-store con modalità continuativa; siamo così potuti passare da una valutazione soggettiva e auto referenziata della performance instore e della visibilità del brand Bosch, a criteri e KPI oggettivi, misurabili e supportati da dati e immagini. Grazie alla possibilità di catturare la shopping experience nei diversi touch point siamo stati in grado di raccogliere informazioni e suggerimenti puntuali su come migliorare la consumer experience e rendere più efficace l’interazione con i clienti».

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

Petit Pli, gli abiti progettati per crescere insieme ai bambini

Petit Pli è una tuta sportiva neutra e impermeabile il cui tessuto si allunga e si adatta perfettamente a bambini dai 6 mesi ai 3 anni. In questo modo i genitori non saranno costretti a comprare di continuo vestiti per i loro figli in crescita

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti