A Sesto San Giovanni il nuovo hub per la manifattura digitale. CO+FACTORY

Nei pressi di Milano apre l’innovation hub di TH2 e Co+Fab sull’industria 4.0 per startup e PMI

CO+FACTORY è una struttura open e collaborativa, nata da un accordo tra TH2Co+Fabbla cui missione è dare accesso a tecnologie, competenze e servizi, ed in questo invita le imprese digitali ad unirsi. Con questo obiettivo ha aperti la struttura di 1200 mq a Sesto San Giovanni: uno spazio di business acceleration per startup e corsi di formazione specializzata: un nuovo centro per la manifattura digitale nell’area metropolitana di Milano. CO+FACTORY nasce dal presupposto che la piccola impresa industriale è il soggetto con maggiori difficoltà nell’acquisizione di competenze e tecnologie. Nello stesso tempo, il mondo digitale sta profondamente cambiando la manifattura, ma è una strada obbligatoria che le nostre imprese devono intraprendere per farsi trovare pronte e competitive in quella che viene chiamata la Quarta Rivoluzione Industriale. La spinta innovativa delle startup manifatturiere deve trovare un supporto specializzato di servizi, di finanza e di networking che permetta loro di strutturarsi e crescere. Diversi Paesi hanno riconosciuto l’importanza strategica di questa evoluzione tecnologica, come anche l’Italia ha fatto con il recente piano Industria 4.0

co+factory

1.200 mq di laboratori attrezzati per fast prototyping e testing

TH2 è un business accelerator di Milano specializzato in Digital Manufacturing e Food-Tech. Co+Fabb è un coworking per imprese. All’interno degli oltre 4.000 mq di Co+Fabb, CO+FACTORY, un luogo di aggregazione, condivisione e servizi per l’innovazione manifatturiera 4.0. L’HUB prevede tre aree di intervento in filiera: CO+LAB: co-working per startup e 1.200 mq di laboratori attrezzati per fast prototyping e testingCO+TH2: “business acceleration” da parte di TH2 per strutturare una crescita rapida ed efficace delle realtà ospitate supportandole nel consolidamento aziendale e finanziario. CO+ACADEMY: corsi di formazione specializzata – (hw e sw) per l’Industria 4.0.

Condivisione di idee presupposto per la crescita

«Ci muoviamo in questa direzione nel supportare le PMI manifatturiere e le startup – spiega Aldo Curinga, co-fondatore e presidente di TH2 – TH2 è un acceleratore specializzato nel strutturare una crescita rapida di startup e grow up che operano in ambito industriale. Abbiamo toccato con mano come la condivisione di idee, di competenze, di soluzioni e la creazione di partnership permetta una crescita più rapida e con minori costi per le nuove realtà. Spesso – continua Curinga – abbiamo incontrato startup che, ad esempio, investono tempo e denaro nello sviluppo di soluzioni sw per l’IoT che per loro sono una componente strumentale (non il loro core-businessI mentre altre startup hanno già pronta quella soluzione. Inoltre come acceleratore una parte molto importante del nostro lavoro è la creazione di collaborazioni industriali con gruppi o società già affermate a supporto delle realtà che stiamo seguendo. Ecco che condivisione e co-creazione, modalità di lavoro e di crescita ormai scontate nel digitale, devono essere trasferite nel mondo manifatturiero».

Uno spazio per sperimentare e seguire i progetti

La filiera dei servizi di CO+FACTORY è per Fabio Terragni, founder di Co+Fabb un aspetto differenziante: «Offriamo diversi supporti, dagli spazi di co-working, a laboratori e attrezzature per fast-prototyping e testing, fino alla formazione specializzata. Molte aziende dell’area nord Milano e della Brianza sentono il bisogno di portarsi in casa competenze tecnologiche e di avere accesso rapido e agevolato alla conoscenza e alla valutazione di soluzioni innovative provenienti dalle startup. CO+FACTORY permette questo: non solo l’incontro tra realtà manifatturiere e nuove attività digitali, ma anche la possibilità, per le aziende che già operano sui mercati, di sperimentare e seguire i progetti fin dall’inizio. Un altro aspetto, al quale tengo molto – ha aggiunto Terragni – è la localizzazione a Sesto San Giovanni, non solamente per la storica cultura industriale che la caratterizza, ma anche per il fatto di come sia baricentrica rispetto al tessuto produttivo della Città Metropolitana e attraente anche per le aree più a nord. L’iniziativa dà inoltre, in prospettiva, uno slancio a una politica di reinsediamento manifatturiero urbano di tipo innovativo perseguito da città come Amburgo, Barcellona o New York. Non da ultimo il fatto che puntiamo su ambiti applicativi manifatturieri sui quali l’Italia ha una riconosciuta capacità e credibilità internazionale».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Exit per Tilt, l’app di social payment comprata da Airbnb per 12 milioni

Airbnb ha versato 12 milioni in cash nelle casse startup che facilita lo scambio di soldi tra persone via mobile, ma tra decine in bonus per i fonunders e scambi di quote l’ammontare totale dell’operazione ammonterebbe a 60 milioni

«Amazon dominerà presto il fintech», dice un boss di Andreessen Horowitz

Secondo Alex Rampell, general partner della società di venture capital Usa che è tra i maggiori investitori (tra gli altri) di Facebook, Amazon (con già 23 milioni di utenti che usano la sua piattaforma di pagamento) ha una strategia precisa per dominare presto il fintech

Disney ha acquisito MakieLab, la startup della prima bambola stampata in 3D

MakieLab dal 2012 produce giocattoli con la fabbricazione digitale. La famosa casa di intrattenimento per bambini l’aveva già accolta nel suo programma di accelerazione nel 2015 e ora ne assorbirà tecnologia e piattaforma