Oltre 20 startup per nuove soluzioni fintech. Il Digital Innovation Lab di GFT a Barcellona

Il nuovo LAB GFT di Barcellona ha l’obiettivo di scoprire come le diverse tecnologie sviluppate da GFT e dalle principali startup stanno già iniziando a cambiare il futuro delle interazioni con i clienti nel settore finanziario

Un’iniziativa che promuove l’open innovation attraverso la co-creation. Questo l’obiettivo di GFT, provider di servizi IT per il settore finanziario, con l’apertura del Digital Innovation Lab presso la propria sede di Sant Cugat del Vallès a Barcellona. Il Digital Innovation Lab fornisce particolari facility pensate per tutte le tipologie di organizzazione bancaria e startup e, focalizzandosi particolarmente sulle quelle che operano nel fintech, favorirà anche la progettazione collaborativa e lo sviluppo di soluzioni digitali per il settore finanziario. L’iniziativa è stata realizzata da un team di 30 specialisti. «La nostra sede di Barcellona – spiega Marika Lulay, COO di GFT Technologies SE – è stata appositamente scelta nel 2014 in quanto location ideale per creare il nostro primo Digital Innovation Lab. Il team spagnolo GFT possiede un ampio know-how e una solida esperienza nel settore finanziario (in particolare nel retail banking). Barcellona – ha aggiunto – è un hotspot per l’innovazione tecnologica ed è la sede di un ecosistema consolidato di startup del settore tech. Grazie a importanti università locali, permeate da fiuto per l’innovazione, e un ambiente ideale per il business, Barcellona offre tutto ciò di cui si ha bisogno per pianificare progetti che sono destinati a plasmare il futuro della tecnologia digitale. E’ sorprendente osservare come il LAB si sia già collocato in una posizione privilegiata per l’open innovation e la prototipazione».

GFT Sant Cugat

Banche, grandi player e oltre 20 startup

L’iniziativa di GFT coinvolge banche, player chiave del settore finanziario, ma anche oltre 20 startup, in particolare fintech, che lavorano nelle nuove strutture. Queste includono aziende leader come Hubtype (che fornisce il servizio clienti attraverso agenti o assistenti virtuali utilizzando soluzioni di messaggistica tradizionali), Icar (leader mondiale nelle soluzioni di validazione dell’identità del cliente) e TC Group Solutions (che assiste i rivenditori tramite l’analisi e l’ottimizzazione della performance utilizzando soluzioni big data per esaminare, ad esempio, i flussi di clienti, le visite nel negozio e la gestione delle code).

Le sfide della trasformazione digitale

GFT si occupa delle sfide relative alla trasformazione digitale nel settore bancario. Nel 2014 l’azienda ha aperto il suo primo LAB, anch’esso presso la sede spagnola di Barcellona, con l’apporto di una task force chiamata GFT Applied Technologies Team. L’obiettivo era quello di istituire un centro per l’innovazione strategico per l’azienda, facendo emergere nuove forme di interazione tra i clienti e le istituzioni finanziarie o sviluppando nuovi modelli di soluzioni. Da allora, il concept iniziale è stato esportato in altre sedi del gruppo, creando lab nel Regno Unito, Germania e Brasile

Situazioni reali di vita quotidiana

Oltre alle strutture progettate per riprodurre una filiale bancaria, il Digital Innovation Lab di Barcellona dispone di aree per la simulazione di situazioni reali nelle quali ci troviamo ogni giorno. Scenari dove la tecnologia sta già cambiando il modo di interazione delle persone. Qualche esempio? E’ presente un punto vendita con opzioni di acquisto omnichanneI dove si uniscono l’esperienza digitale con scenari di acquisto tradizionale. Le strutture prevedono anche tecnologie dotate di sensori e terminali per il pagamento mobile. Unendo diverse tipologie di tecnologie emergenti, le banche possono offrire servizi più veloci e personalizzati, riducendo i tempi di attesa dei clienti per servizi o supporto, evitando così frustrazione che porta all’attrito con il cliente. Un’altra area che è stata allestita all’interno del LAB GFT simula le situazioni domestiche all’interno dell’abitazione. Così come sono presenti diversi scenari di interazione tra i clienti e le banche, utilizzando dispositivi mobili come gli smartphone o attraverso canali digitali più convenzionali come i personal computer. Gli utenti del LAB GFT possono, inoltre, sperimentare i vantaggi di un collegamento tra i servizi bancari e l’Internet delle cose. Infine, sono disponibili un’area eventi e un auditorium che permettono agli esperti di analizzare insieme gli ultimi trend e organizzare conferenze, dibattiti e meeting aziendali.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Exit per Tilt, l’app di social payment comprata da Airbnb per 12 milioni

Airbnb ha versato 12 milioni in cash nelle casse startup che facilita lo scambio di soldi tra persone via mobile, ma tra decine in bonus per i fonunders e scambi di quote l’ammontare totale dell’operazione ammonterebbe a 60 milioni

«Amazon dominerà presto il fintech», dice un boss di Andreessen Horowitz

Secondo Alex Rampell, general partner della società di venture capital Usa che è tra i maggiori investitori (tra gli altri) di Facebook, Amazon (con già 23 milioni di utenti che usano la sua piattaforma di pagamento) ha una strategia precisa per dominare presto il fintech

Disney ha acquisito MakieLab, la startup della prima bambola stampata in 3D

MakieLab dal 2012 produce giocattoli con la fabbricazione digitale. La famosa casa di intrattenimento per bambini l’aveva già accolta nel suo programma di accelerazione nel 2015 e ora ne assorbirà tecnologia e piattaforma