Da primo spin-off dell’INFN all’acquisizione di PANalytical. La storia di Pixirad

Cuore dell’accordo è il trasferimento di una tecnologia sviluppata in ricerca fondamentale che ha poi trovato applicazione in settori ad alto impatto economico e sociale come lo sviluppo di nuovi medicinali e il miglioramento delle batterie a ioni di Litio

Pixirad è il primo spin-off dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN). Nato nel 2012 da un gruppo di ricerca, guidato da Ronaldo Bellazzini della Sezione INFN di Pisa, si occupa di di sensori di radiazione: è stato acquisito da PANalytical, azienda del gruppo parte di Spectris plc, società olandese che si occupa di strumentazione per analisi e caratterizzazione dei materiali con tecniche ai raggi X. Il mercato di riferimento è quello della radiologia digitale e dell’imaging industriale e scientifico, con particolare attenzione alle tecniche di diffrazione e cristallografia ai raggi X.
«La collaborazione con la compagnia olandese – ha spiegato Ronaldo Bellazzini – è già attiva da alcuni anni e vede l’impiego dei rivelatori sviluppati da Pixirad nel sistema di punta di PANalytical per la diffrazione ai raggi X, che ha portato a ottenere significativi risultati in settori ad alto impatto economico e sociale come il miglioramento delle batterie a ioni di Litio o lo sviluppo di nuovi medicinali».

pixirad

Forte impatto su problematiche primarie

Per Fernando Ferroni, presidente dell’INFN «l’acquisizione di Pixirad da parte di un’importante società multinazionale dimostra chiaramente come i progressi tecnologici generati dagli studi di fisica fondamentale abbiano un impatto decisivo per la soluzione di problematiche socio-economiche di primaria importanza».

Radiologia digitale e imaging industriale

Pixirad nasce dal lavoro di un team di fisici dell’Istituto Nazionale di fisica nucleare specializzati nello sviluppo di sensori di radiazione. Il team di fisici ha costituito una società spin-off dell’INFN con l’obiettivo di realizzare rivelatori di radiazione innovativi e competitivi sul mercato negli ambiti della radiologia digitale, dell’imaging industriale e dell’imaging scientifico. Questa tecnologia ha trovato applicazioni in questi settori e ha suscitato in pochi anni l’interesse di realtà industriali a livello internazionale. In particolare, la capacità unica della tecnologia introdotta da Pixirad di essere efficiente in un intervallo di energia molto esteso (da 1 a 100 keV e oltre) ha reso i suoi rivelatori la scelta ideale per le tecniche di analisi strutturale dei materiali che richiedono l’utilizzo di raggi X di alta energia come la diffrazione e la cristallografia ai raggi X.
Pixirad si è rivelata promettente anche in ambito medico, in particolare in radiologia digitale, settore che si sta affermando di grande e crescente interesse a seguito della trasformazione dei sistemi radiologici da analogici (con impiego di pellicole radiografiche e intensificatori di immagine) a digitali (con utilizzo di dispositivi integralmente elettronici, in grado di restituire in tempo reale l’immagine radiologica). In questo contesto, Pixirad ha sviluppato un nuovo tipo di sensore radiologico digitale ad elevatissima risoluzione che costituisce un significativo salto tecnologico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Exit per Tilt, l’app di social payment comprata da Airbnb per 12 milioni

Airbnb ha versato 12 milioni in cash nelle casse startup che facilita lo scambio di soldi tra persone via mobile, ma tra decine in bonus per i fonunders e scambi di quote l’ammontare totale dell’operazione ammonterebbe a 60 milioni

«Amazon dominerà presto il fintech», dice un boss di Andreessen Horowitz

Secondo Alex Rampell, general partner della società di venture capital Usa che è tra i maggiori investitori (tra gli altri) di Facebook, Amazon (con già 23 milioni di utenti che usano la sua piattaforma di pagamento) ha una strategia precisa per dominare presto il fintech

Disney ha acquisito MakieLab, la startup della prima bambola stampata in 3D

MakieLab dal 2012 produce giocattoli con la fabbricazione digitale. La famosa casa di intrattenimento per bambini l’aveva già accolta nel suo programma di accelerazione nel 2015 e ora ne assorbirà tecnologia e piattaforma