Indigo AI vince la ChatBot Challenge di Digital Magics e Bricoman Italia

La piattaforma di intelligenza artificiale che utilizza chatbot e machine learning per automatizzare la comunicazione con i propri utenti ha vinto la call di Bricoman Italia e Digital Magics

La startup Indigo AI, piattaforma di intelligenza artificiale che utilizza chatbot e machine learning per automatizzare la comunicazione con i propri utenti in chat, ha vinto la ChatBot Challenge: call lanciata da Bricoman Italia e Digital Magics. I 9 finalisti hanno partecipato alla giornata di pitch che si è svolta all’interno del BM Lab: spazio, progettato accanto agli uffici di Bricoman a Rozzano, dedicato all’innovazione e al digitale, in cui le startup potranno lavorare insieme a Bricoman Italia per lo sviluppo di nuovi progetti digitali.

Digital Magics

Da sinistra a destra: Luca Pinto, direttore di negozio di Bricoman Italia, Alessandro Di Giovanni, amministratore delegato di Bricoman Italia, Gianluca Maruzzella, co-founder e ceo di Indigo AI, Alice Morrone, digital marketing ed e-commerce manager di Bricoman Italia, Michele Cuoccio, cfo di Bricoman Italia

L’importanza di aprirsi al digitale

«In tutto il mondo moltissime aziende stanno investendo sulle tecnologie chatbot e siamo convinti che diventerà uno dei trend digitali del 2017 – ha detto Layla Pavone, amministratore delegato di Digital Magics per l’industry innovation – e il progetto condiviso con Bricoman Italia aveva l’obiettivo di trovare soluzioni per innovare la gestione delle relazioni con i loro clienti, grazie ai servizi innovativi delle startup. I progetti finalisti e il vincitore di ChatBot Challenge dimostrano, ancora una volta, che i talenti italiani non hanno nulla da invidiare rispetto ai neoimprenditori internazionali. Vorrei ringraziare Bricoman Italia perché ha colto perfettamente l’importanza di aprirsi al digitale, non solo con lo sviluppo di questa Call, ma soprattutto con il ruolo attivo e propositivo durante tutto il programma di Open Innovation. Un’ulteriore dimostrazione di quanto Bricoman Italia creda nel valore aggiunto e nell’apporto delle startup, in termini di innovazione, è l’aver creato un vero e proprio spazio di co-working dedicato agli startupper accanto ai loro uffici».

I 9 finalisti di ChatBot Challenge

I finalisti di CHATBOT CHALLENGE sono eccellenze tecnologiche che sviluppano chatbot: programmi per elaborare e analizzare il linguaggio umano, creando strumenti semplici, universali e anche multilingua per interazioni e conversazioni con le persone come se fossero utenti veri e propri che scrivono nella chat o con l’integrazione vocale, dando vere e proprie informazioni. Ecco i 9 finalisti: Alfabot, Botfarmy, BotSupply, FIORAH, Indigo AI, HELLO BOT, Pedius, Stamplay e UserBot.

La giuria

La giuria di ChatBot Challenge che ha scelto Indigo AI come migliore startup della call e vincitrice di 5.000 Euro era formata da: Layla Pavone, amministratore delegato di Digital Magics per l’industry innovation, Edmondo Sparano, chief digital officer e consigliere di Digital Magics, Alessandro Di Giovanni, amministratore delegato di Bricoman Italia, Michele Cuoccio, cfo di Bricoman Italia, Alice Morrone, digital marketing ed e-commerce manager di Bricoman Italia, Elio Cariboni, direttore centrale acquisti di Bricoman Italia, Alessandro Pici, direttore di negozio di Bricoman Italia, Luca Pinto, direttore di negozio di Bricoman Italia, Stefano Sunda, responsabile settore idraulica di Bricoman Italia, Alessandro Tiretta, fondatore e CEO di Retapps, Barbara Boggetti, retail expert e Alfio Puglisi, managing director di GFT Italy.

 

Un Commento a “Indigo AI vince la ChatBot Challenge di Digital Magics e Bricoman Italia”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

L’empowerment delle donne passa per l’impegno delle aziende. NTT DATA per #STEMintheCity

L’azienda giapponese dell’ITC ha organizzato due incontri nell’ambito dell’iniziativa del Comune di Milano per avvicinare le ragazze alle materie scientifiche, che si inseriscono in un percorso più ampio dedicato all’empowerment femminile

Tidal Vision, la startup dell’Alaska che trasforma gli scarti dell’oceano in vestiti

Partito nel 2015 su Kickstarter, il progetto di Craig Kasberg si propone di recuperare la pelle di salmone o i gusci dei crostacei per ottenere capi di abbigliamento sostenibili che rispettino l’ambiente e contrastino gli effetti negativi della cosiddetta fast fashion