Baban vende Tapì: «da startup fondata nel 2000 a multinazionale che fattura 40 milioni»

Le quote di maggioranza dell’azienda padovana produttrice di tappi vendute a un fondo d’investimento

Cambio di proprietà per Tapì, azienda leader nella produzione di tappi sintetici, con sede a Massanzago in Provincia di Padova. Il pacchetto di maggioranza del gruppo, che nel 2016 ha fatturato a livello globale 40 milioni di euro, è da oggi di proprietà del fondo d’investimento Wisequity IV, di Wise Sgr.

home_tapi_opt

Chi resta chi esce

I fondatori del gruppo ed ex soci di maggioranza Alberto Baban (presidente, peraltro di Venetwork) e Nicola Mason, e il fondo Gradiente I, hanno infatti ceduto le proprie quote alla fondo di private equity italiano promosso dalla Sgr fondata nel 2000. Lo si apprende da una nota stampa diffusa dall’azienda.

L’operazione è stata seguita dal partner di Wise Sgr Stefano Ghetti e da Marco Mancuso. Resta in società, con una quota di minoranza, Roberto Casini che assumerà la carica di amministratore delegato per assicurare la continuità aziendale.

I numeri di Tapì

Il gruppo Tapì, che nel 2016 ha fatturato 40 milioni di euro con un aumento di oltre il 20%, conta 70 dipendenti in Italia e circa 400 a livello globale con stabilimenti produttivi Italia, Messico e Argentina, servendo oltre 20 paesi nel mondo.

«Da azienda familiare – commenta, in una nota, l’ex presidente del gruppo e fondatore Alberto Baban – Tapì è ora diventata multinazionale tascabile. Una startup nata da zero nel 2000 come srl è arrivata a fatturare 40 milioni di euro nel 2016: dimensioni importanti che vanno ora accompagnate verso un’ulteriore fase di internazionalizzazione».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le 6 startup finaliste di .itCup Registro 2017

Dalle 110 candidature arrivate per la sesta edizione della .itCup organizzata dal Registro.it sono stati selezionati i progetti innovativi che parteciperanno alla .itCup School a Pisa. E che il 26 ottobre saranno in finale a Roma

Negli Stati Uniti arriva il primo avvocato-robot al mondo. Ed è gratuito

Il robot, che si chiama DoNotPay, in realtà è un’intelligenza artificiale in forma di chatbot e offre consulenza gratuita a chi non può permettersi un legale in carne e ossa. Nei due anni di sperimentazione ha contestato 375mila multe per il parcheggio

I vincitori della prima edizione: “Siamo cresciuti grazie a Start To Be Circular”

Grazie alla call di Fondazione Bracco la startup Orthoponics ha acquisito le giuste competenze per conquistare il mercato. Scadenza il 3 di novembre. In palio un premio del valore di 10.000 euro e l’ingresso nell’incubatore SpeedMiUp

Botnet, Microsoft combatte Fancy Bear in tribunale

Per fronteggiare l’offensiva cibernetica che si presume giunga dalla Russia, a Redmond hanno scelto un’arma non convenzionale. I cyber-criminali sono colpiti a suon di carte bollate, e la loro botnet smantellata in tribunale