Accenture porta a New York le startup che vogliono conquistare i Millennials

C’è tempo fino al 10 febbraio per partecipare agli Accenture ConsumerTech Awards: in palio la possibilità di partecipare al Millennial 20/20 Summit e un percorso di consulenza

I Millennials hanno cambiato il modo di viaggiare, di imparare e soprattutto di comprare. Sono una generazione che ha rimpiazzato l’acquisto con la condivisione: pertanto, per un’azienda, trovare nuovi modi per conquistare il cliente-millennial attraverso il suo brand e l’esperienza di acquisto è cruciale. Per trovare e premiare startup focalizzate su progetti innovativi dedicati ai giovani, Accenture ha lanciato gli Accenture ConsumerTech Awards: un premio dedicato alle neo-imprese che permettono di migliorare l’interazione tra Millennial e brand, con un’attenzione particolare a customer experience e personalizzazione di servizi e prodotti. I vincitori del concorso, oltre ad avere la possibilità di partecipare al Millennial 20/20 Summit e presentare la propria idea davanti ad una platea internazionale, godranno della consulenza di un team di esperti di Accenture che li aiuterà a far crescere la loro idea, migliorare specifiche aree del business e conquistare i clienti.

new_york_1

Chi può partecipare

Possono partecipare startup ed aziende emergenti che rispondono ad almeno uno dei seguenti criteri: avere meno di tre anni; essere finanziate da singoli investitori o venture capital; essere ancora in fase pre-revenue o in fase beta. E’ possibile candidarsi fino al 10 febbraio 2017 qui. I finalisti selezionati presenteranno le loro idee il 28 febbraio a New York davanti a un comitato esclusivo di giudici composto da alti dirigenti di brand noti a livello mondiale, influencer e investitori finanziari. I vincitori saranno annunciati il 2 marzo a New York in occasione del Millennial 20/20 Summit, un evento sponsorizzato da Accenture, Forbes e CNBC, che dopo le tappe di Londra e Singapore arriva quest’anno negli Usa per catalizzare l’attenzione attorno ad una generazione, quella dei Millennial, che entro il 2018 rappresenterà un quarto della popolazione mondiale e avrà la capacità di spesa più alta di tutte le altre generazioni. Il Millennial 20/20 è il primo summit a livello globale focalizzato sul mercato dei consumi dei Millennials.

Le 4 categorie

Le quattro categorie a cui è possibile candidarsi sono:

  1. Millennial Shopper: Soluzioni che forniscono una maggiore comprensione del comportamento e della domanda dei consumatori, miglioramenti in product design, distribuzione, stock management e logistica, o che consentono una crescita nel flusso di visitatori, vendite e offerta di prodotti – sia online che offline.
  2. Millennial Consumer: Soluzioni che permettono di fidelizzare i consumatori ad un brand e incrementarne gli acquisti; personalizzare la brand experience o ancora che consentono alle aziende di essere più flessibili nel rispondere ed adattarsi agli stili di vita dei loro clienti.
  3. Millennial Traveller: Soluzioni che migliorano la customer experience nel settore Travel&Hospitality, il servizio al cliente o riducono i costi operativi.
  4. Millennial Driver: Soluzioni che permettono di ridurre l’impatto ambientale legato all’utilizzo delle auto, arrichiscono l’esperienza d’acquisto o il post-vendita per il settore, migliorano i servizi di connettivitá nel veicolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

L’empowerment delle donne passa per l’impegno delle aziende. NTT DATA per #STEMintheCity

L’azienda giapponese dell’ITC ha organizzato due incontri nell’ambito dell’iniziativa del Comune di Milano per avvicinare le ragazze alle materie scientifiche, che si inseriscono in un percorso più ampio dedicato all’empowerment femminile

Tidal Vision, la startup dell’Alaska che trasforma gli scarti dell’oceano in vestiti

Partito nel 2015 su Kickstarter, il progetto di Craig Kasberg si propone di recuperare la pelle di salmone o i gusci dei crostacei per ottenere capi di abbigliamento sostenibili che rispettino l’ambiente e contrastino gli effetti negativi della cosiddetta fast fashion