Accenture porta a New York le startup che vogliono conquistare i Millennials

C’è tempo fino al 10 febbraio per partecipare agli Accenture ConsumerTech Awards: in palio la possibilità di partecipare al Millennial 20/20 Summit e un percorso di consulenza

I Millennials hanno cambiato il modo di viaggiare, di imparare e soprattutto di comprare. Sono una generazione che ha rimpiazzato l’acquisto con la condivisione: pertanto, per un’azienda, trovare nuovi modi per conquistare il cliente-millennial attraverso il suo brand e l’esperienza di acquisto è cruciale. Per trovare e premiare startup focalizzate su progetti innovativi dedicati ai giovani, Accenture ha lanciato gli Accenture ConsumerTech Awards: un premio dedicato alle neo-imprese che permettono di migliorare l’interazione tra Millennial e brand, con un’attenzione particolare a customer experience e personalizzazione di servizi e prodotti. I vincitori del concorso, oltre ad avere la possibilità di partecipare al Millennial 20/20 Summit e presentare la propria idea davanti ad una platea internazionale, godranno della consulenza di un team di esperti di Accenture che li aiuterà a far crescere la loro idea, migliorare specifiche aree del business e conquistare i clienti.

new_york_1

Chi può partecipare

Possono partecipare startup ed aziende emergenti che rispondono ad almeno uno dei seguenti criteri: avere meno di tre anni; essere finanziate da singoli investitori o venture capital; essere ancora in fase pre-revenue o in fase beta. E’ possibile candidarsi fino al 10 febbraio 2017 qui. I finalisti selezionati presenteranno le loro idee il 28 febbraio a New York davanti a un comitato esclusivo di giudici composto da alti dirigenti di brand noti a livello mondiale, influencer e investitori finanziari. I vincitori saranno annunciati il 2 marzo a New York in occasione del Millennial 20/20 Summit, un evento sponsorizzato da Accenture, Forbes e CNBC, che dopo le tappe di Londra e Singapore arriva quest’anno negli Usa per catalizzare l’attenzione attorno ad una generazione, quella dei Millennial, che entro il 2018 rappresenterà un quarto della popolazione mondiale e avrà la capacità di spesa più alta di tutte le altre generazioni. Il Millennial 20/20 è il primo summit a livello globale focalizzato sul mercato dei consumi dei Millennials.

Le 4 categorie

Le quattro categorie a cui è possibile candidarsi sono:

  1. Millennial Shopper: Soluzioni che forniscono una maggiore comprensione del comportamento e della domanda dei consumatori, miglioramenti in product design, distribuzione, stock management e logistica, o che consentono una crescita nel flusso di visitatori, vendite e offerta di prodotti – sia online che offline.
  2. Millennial Consumer: Soluzioni che permettono di fidelizzare i consumatori ad un brand e incrementarne gli acquisti; personalizzare la brand experience o ancora che consentono alle aziende di essere più flessibili nel rispondere ed adattarsi agli stili di vita dei loro clienti.
  3. Millennial Traveller: Soluzioni che migliorano la customer experience nel settore Travel&Hospitality, il servizio al cliente o riducono i costi operativi.
  4. Millennial Driver: Soluzioni che permettono di ridurre l’impatto ambientale legato all’utilizzo delle auto, arrichiscono l’esperienza d’acquisto o il post-vendita per il settore, migliorano i servizi di connettivitá nel veicolo.

Road to #SIOS17 | Musement: ecco come quattro italiani hanno ripensato al modo di fare vacanza

Tre amici e un’intuizione geniale: storia della startup italiana che ripensa le esperienze di viaggio. In attesa del nuovo StartupItalia! Open Summit di dicembre 2017 intervista a Claudio Bellinzona di Musement, una delle dieci startup finaliste dell’ultimo SIOS

La nuova sneaker di Vivobarefoot è fatta solo con le alghe

L’azienda britannica è pronta a lanciare sul mercato delle calzature anfibie in collaborazione con Bloom Foam. Sono le prime al mondo prodotte a partire dalla vegetazione delle acque inquinate

NotPetya: quando un solo malware è responsabile di miliardi di perdite. I numeri rivelati dalle aziende

I dati pubblicati delle aziende nei rapporti periodici forniscono informazioni sull’impatto del malware. AP Moller-Maersk ha annunciato che l’attacco ha causato perdite per almeno 200 milioni di dollari