I tre progetti finalisti di South For Tomorrow di AXA

Pharmap, 4Life, InAid i progetti finalisti di South For Tomorrow, la call di open innovation lanciata con il supporto di Impact Hub Milano

Sono Pharmap4Life, InAid i progetti finalisti di South For Tomorrow, la call di open innovation lanciata a luglio AXA Italia e Mps, con il supporto di Impact Hub Milano. Per le tre startup la possibilità di vincere in premio di 10 mila euro, un percorso di incubazione di 4 mesi e di vedere integrata la propria idea nell’offerta di AXA Italia. Con South For Tomorrow AXA vuole intercettare i miglior talenti del Sud e sfidarli a pensare al futuro di quelli che hanno l’età dei loro genitori, creando servizi digitali che possano migliorare la loro vita durante la pensione.
Le tre startup finaliste hanno avuto accesso a una Focus Week con il team di Impact Hub Milano, durante la quale hanno messo a punto la loro idea di business in vista della valutazione finale. La startup vincitrice sarà selezionata a inizio 2017 e sarà seguita in un percorso di incubazione di 4 mesi, che si svolgerà in una sede del network Impact Hub nel Sud Italia (Bari, Siracusa o Catania).

Leggi anche: AXA lancia una call per le startup del Sud. Qui per partecipare

Axa

LE STARTUP IN FINALE

  • 1. Pharmap è un servizio di consegna farmaci a domicilio sviluppato da una startup di Palermo. Scaricando l’app per iOs o Android gli utenti avranno la possibilità di accedere al portale di Pharmap e di utilizzarne il servizio. L’obiettivo di Pharmap è avvicinare la farmacia a chi per lavoro, salute e particolari condizioni fisiche, non può recarsi in negozio o trascorrere tempo in attesa del proprio turno: il servizio di consegna in 45 minuti. Un fattorino comprerà medicinali e prodotti per il cliente e glieli consegnerà all’indirizzo indicato. Pharmap nasce dall’idea di Giuseppe Mineo, Fausto Sciabica, Davide Mariolo e Giulio Lo Nardo, giovani laureati in economia con master alla Cattolica, con esperienze in management consulting, nel retail e nel settore bancario. La fase di lancio è in corso a Milano, ma è già in programma lo sviluppo in altre città a partire da Roma, Bologna e Palermo.

[iframe id=”https://www.youtube.com/embed/BEZ4M-2H5eA”]

  • 2. 4Life è un team composto da cinque ragazzi di Andria. La startup ha sviluppato LifeBand, una cavigliera collegata allo smartphone via Bluetooth, che permette di monitorare a distanza persone a rischio cadute. In caso di caduta partiranno automaticamente entro 5 secondi una chiamata e un sms ad un numero preimpostato.
  • 3. InAid è una piattaforma Web e una App sviluppata da una startup di Bari e strutturata in modo che una persona bisognosa di assistenza trovi un professionista vicino casa. Il servizio è utile anche agli InAider (professionisti) che hanno una vetrina attraverso la quale ricevere le richieste di assistenza ed accrescere il proprio business, grazie a un servizio che punta a raggiungere ostetriche, infermiere, fisioterapisti e assistenti generici per anziani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La call di dpixel per il secondo programma di accelerazione di Barcamper Ventures

Le startup possono applicare fino al 5 giugno. Il percorso inizierà a settembre 2017, si terrà a Bologna e includerà fino a venti progetti innovativi nel campo della tecnologia e del digitale

Videoarte e tecnologie: dal 27 aprile torna il Media Art Festival, con un concorso per le scuole

Il filo rosso di questa edizione è “L’arte che cambia il mondo”, grazie anche ai laboratori creativi per lo sviluppo sostenibile, realizzati con scienziati e maker. Gli studenti saranno coinvolti con scienziati e artisti in progetti sullo sviluppo sostenibile

Tidal Vision, la startup dell’Alaska che trasforma gli scarti dell’oceano in vestiti

Partito nel 2015 su Kickstarter, il progetto di Craig Kasberg si propone di recuperare la pelle di salmone o i gusci dei crostacei per ottenere capi di abbigliamento sostenibili che rispettino l’ambiente e contrastino gli effetti negativi della cosiddetta fast fashion