L’intelligenza artificiale di Expert System innova l’internet banking di Intesa Sanpaolo

Velocità di implementazione, scalabilità e semplicità d’uso: queste le caratteristiche di Cogito, la tecnologia scelta dalla banca per il nuovo sito e per la piattaforma dei servizi

Innovare l’esperienza digitale dei propri clienti. Anche sfruttando algoritmi di intelligenza artificiale. E’ la scelta di Intesa Sanpaolo che ha scelto Cogito, la tecnologia di Expert System per il nuovo sito e per la piattaforma dei servizi di internet banking. Un sistema di ricerca intelligente in grado anche di comprendere le intenzioni degli utenti, analizzando il significato di frasi e parole con la massima precisione. Che fa Cogito? Identifica il senso del discorso, restituisce in risposta l’informazione desiderata oppure propone immediatamente un’azione, come ad esempio l’accesso diretto a bonifici, ricariche, bollette, e altre numerose operazioni effettuabili da home banking con alcuni valori precompilati, come importi e destinatari delle operazioni.

«Cogito – spiegano Francesca Nieddu, Responsabile della direzione Customer Experience e CRM di Intesa Sanpaolo, e Massimo Tessitore, a capo della direzione Multicanalità Integrata di Intesa Sanpaolo – ci ha permesso di raggiungere tempestivamente gli obiettivi di innovazione alla base della strategia digitale del Gruppo, aiutandoci a migliorare la qualità dei servizi di experience online. Volevamo uno strumento nuovo e intelligente, capace di avvicinare le persone alla Banca. Siamo molto soddisfatti dei risultati: un visitatore su tre sceglie di utilizzare il nostro sistema di ricerca, dimostrando di apprezzare l’esperienza di conoscenza e di utilizzo dei nostri servizi».

Tecnologia scalabile e semplice da usare

Rispetto ad altre soluzioni di cognitive computing, che richiedono lunghi tempi di realizzazione, Cogito si caratterizza per la velocità di implementazione e la scalabilità a cui corrispondono un rapido ROI, l’accuratezza nell’elaborazione automatica delle informazioni e la semplicità di utilizzo da parte degli utenti.
I clienti non devono preoccuparsi di scegliere keyword o espressioni di ricerca particolari, ma possono utilizzare parole e frasi di tutti i giorni per trovare con semplicità informazioni e servizi: grazie alla ricca base di conoscenza intrinseca nella tecnologia Cogito, ogni richiesta viene considerata per il significato o per il concetto che esprime e in base al contesto.
Una ricerca del tipo Voglio fare un bonifico di 100 euro a Mario Rossi, ad esempio, consente l’accesso diretto a un bonifico da effettuare (Cogito comprende che si tratta di una ricerca dispositiva perché il cliente manifesta l’intenzione di eseguire un nuovo bonifico). Se il cliente sta cercando informazioni e digita ad esempio pagare nei negozi con lo smartphone, visualizzerà come risultato PAyGO, il servizio dedicato ai pagamenti digitali.

Traduce in azioni le richieste con intenzioni

«L’aspetto più gratificante del progetto è esser riusciti a soddisfare gli elevati standard di qualità e innovazione richiesti dalla vision strategica di Intesa Sanpaolo – ha dichiarato Alessandro Monico, Italy Sales Director di Expert System – il nostro sistema unisce funzionalità cognitive molto evolute, come l’interpretazione della ricerca dei concetti, con la possibilità di tradurre in azioni dirette le richieste contenenti intenzioni. Nell’attuale scenario delle tecnologie di intelligenza artificiale, implementate in ambiti molto sensibili come il customer support di banche e assicurazioni, si tratta di un caso di successo unico per velocità di realizzazione, scalabilità e qualità dei risultati».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

L’empowerment delle donne passa per l’impegno delle aziende. NTT DATA per #STEMintheCity

L’azienda giapponese dell’ITC ha organizzato due incontri nell’ambito dell’iniziativa del Comune di Milano per avvicinare le ragazze alle materie scientifiche, che si inseriscono in un percorso più ampio dedicato all’empowerment femminile

Tidal Vision, la startup dell’Alaska che trasforma gli scarti dell’oceano in vestiti

Partito nel 2015 su Kickstarter, il progetto di Craig Kasberg si propone di recuperare la pelle di salmone o i gusci dei crostacei per ottenere capi di abbigliamento sostenibili che rispettino l’ambiente e contrastino gli effetti negativi della cosiddetta fast fashion