La multinazionale che trasforma i suoi dipendenti in imprenditori. Everis Italia

La ha deciso di avviare un innovativo progetto di formazione per i suoi dipendenti incentrato sul tema dell’ascolto generativo, per consentire loro di sviluppare abilità manageriali e negoziali

Lo sviluppo di un’app che diventa occasione di formazione per i dipendenti di una società, che possono far crescere capacità comunicative, commerciali, negoziali e manageriali. Capacità imprenditoriali. E’ quanto è successo a Everis Italia, società di consulenza che fa parte della multinazionale Everis dove 50 dipendenti si sono in gioco per realizzare l’app Hear-It, una sorta di Shazam per non udenti. Il programma si chiamava Time to Hear-It. i 50 dipendenti startupper sono stati suddivisi in 5 gruppi, ciascuno con una missione che andava dalla realizzazione tecnica dell’app, all’approfondimento della tematica sordità fino alla costruzione di una rete di sponsor e partner oltre che di contatti che comunicheranno l’esistenza di Hear-It.
«Questo progetto rappresenta un’opportunità di crescita eccezionale per i nostri collaboratori – ha dichiarato Patrizia Manganaro, responsabile delle risorse umane di Everis Italia – per questo abbiamo deciso che le attività di Time to Hear-It si terranno nel corso del normale orario di lavoro». Una volta realizzata l’app verrà messa a disposizione di onlus e associazioni per non udenti, senza fini di lucro.

Everis

Il team che ha sviluppato l’app Hear-It

L’app sviluppata dai dipendenti

Hear-It nasce da un’idea di Maurizio, 31 anni, dipendente di Everis Italia vincitore del contest interno per idee innovative lanciato dall’azienda. «L’idea è di associare un suono ad un’idea ad una sfera sensoriale diversa. Il tutto utilizzando i normali dispositivi della vita di tutti i giorni, come smartphone o tablet. Io credo che tutto ciò sia possibile» ha spiegato. Come Shazam associa a delle note musicali il titolo e l’autore di una canzone, Hear-It collega ad un suono l’immagine dell’oggetto che lo produce. Con Hear-It il non udente che in casa decide di non utilizzare l’apparecchio acustico è in grado di sapere in qualsiasi momento se qualcuno sta suonando alla porta grazie all’immagine del campanello che comparirà sullo schermo del suo smartphone. Maurizio ha donato la sua idea a Everis Italia che ha scelto di sfruttare questa opportunità affiancando alle fasi di sviluppo dell’app un programma di formazione della durata di sei mesi incentrato sull’ascolto attraverso cui aiutare i dipendenti ad esprimere capacità ancora inespresse. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La call di dpixel per il secondo programma di accelerazione di Barcamper Ventures

Le startup possono applicare fino al 5 giugno. Il percorso inizierà a settembre 2017, si terrà a Bologna e includerà fino a venti progetti innovativi nel campo della tecnologia e del digitale

Videoarte e tecnologie: dal 27 aprile torna il Media Art Festival, con un concorso per le scuole

Il filo rosso di questa edizione è “L’arte che cambia il mondo”, grazie anche ai laboratori creativi per lo sviluppo sostenibile, realizzati con scienziati e maker. Gli studenti saranno coinvolti con scienziati e artisti in progetti sullo sviluppo sostenibile

Tidal Vision, la startup dell’Alaska che trasforma gli scarti dell’oceano in vestiti

Partito nel 2015 su Kickstarter, il progetto di Craig Kasberg si propone di recuperare la pelle di salmone o i gusci dei crostacei per ottenere capi di abbigliamento sostenibili che rispettino l’ambiente e contrastino gli effetti negativi della cosiddetta fast fashion