Edison Pulse, il bando per startup che mette in palio 200 mila euro

La quarta edizione del premio è rivolto a startup, team informali ma anche alle imprese sociali. Oltre al premio in denaro, in palio anche un programma di supporto e di incubazione e una campagna di comunicazione

Edison Pulse è il concorso che supporta l’innovazione, il cambiamento e la crescita delle migliori realtà imprenditoriali in Italia. QUI il bando della quarta edizione del premio rivolto a startup, team informali e anche alle imprese sociali che parteciperanno alla categoria speciale Ricostruzione Sisma. In palio 200 mila euro, un programma di supporto e di incubazione in un acceleratore di impresa per un mese e una campagna di comunicazione. Le iscrizioni sono aperte fino al 28 aprile 2017. Sulla piattaforma di Edison Pulse le startup hanno la possibilità di presentare il proprio progetto e la squadra con testi e video.
La nuova edizione di Edison Pulse mira anche a stimolare la nascita di collaborazioni o partnership tra la società energetica e le startup che partecipano al bando. Edison Pulse ha visto finora la partecipazione di oltre 1.400 progetti tra startup, organizzazioni no profit, centri di ricerca e studenti, finanziando complessivamente i vincitori con 700 mila euro e affiancandoli con attività di consulenza

Edison Pulse

Le 4 categorie del bando

  1. ENERGIA, per le soluzioni innovative nell’ambito della produzione, stoccaggio e consumo ottimizzato di energia elettrica, energia rinnovabile e dell’efficienza energetica, oppure delle smart city.
  2. SMART HOME, per i progetti di gestione intelligente dell’ambiente domestico (Internet of things).
  3. CONSUMER, per le soluzioni innovative di vendita, customer care e coinvolgimento dei consumatori B2B e B2C oppure per le soluzioni avanzate di e-commerce.
  4. RICOSTRUZIONE SISMA, destinata alle idee e ai progetti per il recupero e la gestione della ricostruzione delle aree del Centro Italia colpite dal terremoto dell’agosto 2016, nonché alla valorizzazione delle filiere produttive locali e alla promozione culturale e turistica.

La roadmap del concorso

Il sito del concorso avrà anche la funzione di far crescere una community a cui è attribuito il diritto di voto. Le idee più votate entreranno direttamente in finale. A maggio, una giuria composta dai rappresentati di Edison e da un team di esperti di importanti realtà economiche e finanziarie decreterà 16 finalisti (4 per ogni categoria), a cui si aggiungeranno i 4 progetti più votati dagli utenti della rete. Sempre a maggio, i 20 finalisti presenteranno in un pitch di 4 minuti la propria idea di fonte alla giuria e risponderanno alle sue domande. Al termine delle presentazioni, saranno decretati i vincitori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

L’incredibile storia di Mashape e Augusto Marietti (che ha fatto bene a lasciare l’Italia quando gli dicevano “sei troppo giovane”)

A 18 anni aveva inventato Dropbox prima di Dropbox, ma nessuno lo finanziò. Poi, quando con 2 amici ha lanciato Mashape, un marketplace dove gli sviluppatori vendono “pezzi” di software, ha scelto di lasciare l’Italia, destinazione San Francisco. L’idea piace, e ci credono anche il papà di Uber e quello di Amazon e oggi la sua azienda vale decine di milioni di dollari. No, non è un film: è la storia di Augusto Marietti

Dai soldi al network, i 4 contributi delle corporate alle startup. Il caso Tecno a Napoli

Il contributo di una corporate alla startup, secondo L’advisor Giovanni De Caro, dovrebbe essere erogato secondo una precisa scala di priorità. L’open innovation di una società di Napoli e le modalità di investimento nelle startup