Edison Pulse, il bando per startup che mette in palio 200 mila euro

La quarta edizione del premio è rivolto a startup, team informali ma anche alle imprese sociali. Oltre al premio in denaro, in palio anche un programma di supporto e di incubazione e una campagna di comunicazione

Edison Pulse è il concorso che supporta l’innovazione, il cambiamento e la crescita delle migliori realtà imprenditoriali in Italia. QUI il bando della quarta edizione del premio rivolto a startup, team informali e anche alle imprese sociali che parteciperanno alla categoria speciale Ricostruzione Sisma. In palio 200 mila euro, un programma di supporto e di incubazione in un acceleratore di impresa per un mese e una campagna di comunicazione. Le iscrizioni sono aperte fino al 28 aprile 2017. Sulla piattaforma di Edison Pulse le startup hanno la possibilità di presentare il proprio progetto e la squadra con testi e video.
La nuova edizione di Edison Pulse mira anche a stimolare la nascita di collaborazioni o partnership tra la società energetica e le startup che partecipano al bando. Edison Pulse ha visto finora la partecipazione di oltre 1.400 progetti tra startup, organizzazioni no profit, centri di ricerca e studenti, finanziando complessivamente i vincitori con 700 mila euro e affiancandoli con attività di consulenza

Edison Pulse

Le 4 categorie del bando

  1. ENERGIA, per le soluzioni innovative nell’ambito della produzione, stoccaggio e consumo ottimizzato di energia elettrica, energia rinnovabile e dell’efficienza energetica, oppure delle smart city.
  2. SMART HOME, per i progetti di gestione intelligente dell’ambiente domestico (Internet of things).
  3. CONSUMER, per le soluzioni innovative di vendita, customer care e coinvolgimento dei consumatori B2B e B2C oppure per le soluzioni avanzate di e-commerce.
  4. RICOSTRUZIONE SISMA, destinata alle idee e ai progetti per il recupero e la gestione della ricostruzione delle aree del Centro Italia colpite dal terremoto dell’agosto 2016, nonché alla valorizzazione delle filiere produttive locali e alla promozione culturale e turistica.

La roadmap del concorso

Il sito del concorso avrà anche la funzione di far crescere una community a cui è attribuito il diritto di voto. Le idee più votate entreranno direttamente in finale. A maggio, una giuria composta dai rappresentati di Edison e da un team di esperti di importanti realtà economiche e finanziarie decreterà 16 finalisti (4 per ogni categoria), a cui si aggiungeranno i 4 progetti più votati dagli utenti della rete. Sempre a maggio, i 20 finalisti presenteranno in un pitch di 4 minuti la propria idea di fonte alla giuria e risponderanno alle sue domande. Al termine delle presentazioni, saranno decretati i vincitori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La call di dpixel per il secondo programma di accelerazione di Barcamper Ventures

Le startup possono applicare fino al 5 giugno. Il percorso inizierà a settembre 2017, si terrà a Bologna e includerà fino a venti progetti innovativi nel campo della tecnologia e del digitale

Videoarte e tecnologie: dal 27 aprile torna il Media Art Festival, con un concorso per le scuole

Il filo rosso di questa edizione è “L’arte che cambia il mondo”, grazie anche ai laboratori creativi per lo sviluppo sostenibile, realizzati con scienziati e maker. Gli studenti saranno coinvolti con scienziati e artisti in progetti sullo sviluppo sostenibile

Tidal Vision, la startup dell’Alaska che trasforma gli scarti dell’oceano in vestiti

Partito nel 2015 su Kickstarter, il progetto di Craig Kasberg si propone di recuperare la pelle di salmone o i gusci dei crostacei per ottenere capi di abbigliamento sostenibili che rispettino l’ambiente e contrastino gli effetti negativi della cosiddetta fast fashion