La call di BioUpper raccoglie il 30% di progetti in più. Un’infografica

Sono state 151 le candidature raccolte in questa seconda edizione della call for ideas per startup biotech promossa da Novartis Italia e Fondazione Cariplo

Conclusa la call for ideas per startup biotech ed è stata un successo. Ora iniziano le selezioni per accedere alla training week e all’acceleration program. Il modello BioUpper è vincente e i numeri lo confermano: sono 151 le candidature raccolte in questa seconda edizione in tutta Italia. Quasi il 30% di iscrizioni in più rispetto al 2015 (118). Il 79% dei partecipanti sogna di creare una propria startup proprio grazie al programma promosso da Novartis Italia e Fondazione Cariplo, che sostiene i giovani talenti che vogliono creare un’impresa nel settore delle scienze della vita, attraverso un modello unico che offre che training, accelerazione, networking e fondi di investimento per i tre vincitori per 150 mila euro. La Lombardia è in testa per numero di progetti presentati (26%). Seguono Lazio (12%) e Campania (11%). A prevalere sono gli under 35 (47%). Il desiderio di dare vita a una startup è diffuso in tutta la Penisola, con il Nord che rappresenta il 52% dei progetti, il Centro il 21% e il Sud il 28%.

BioUpper

Under 35, over 45 ma anche giovanissimi

A livello anagrafico, è buona la percentuale delle donne (39%) anche se prevalgono gli uomini (61%). Circa la metà dei partecipanti è under 35 (47%) ma è alta anche la partecipazione di over 45 (21%), a conferma che, in particolare nelle scienze della vita, lo slancio innovativo dei più giovani si coniuga con l’esperienza scientifica dei quarantenni. Nei team che hanno consegnato il progetto, inoltre, il 9% rientra nella fascia dei “giovanissimi” under 24. Il concorso ha attratto un numero anche più alto di aspiranti startupper (circa 180), ma da un’accurata valutazione dei criteri di ammissibilità non tutti i progetti sono risultati validi.

Biotecnlogia, digitale e servizi

BioUpper è realizzato in collaborazione con PoliHub, l’incubatore della Fondazione Politecnico di Milano, e con la validazione scientifica di Humanitas, gruppo ospedaliero e avanzata struttura di ricerca di rilievo internazionale. Le candidature si sono così suddivise tra le tre tipologie: biotecnologie orientate alle scienze mediche (34%), strumenti digitali al servizio della salute e dispositivi medicali (37%) e servizi orientati al paziente o alla sanità (29%). Quest’anno, il 21% dei partecipanti ha già creato una startup, in quanto il programma è stato esteso anche alle società fondate da non oltre 12 mesi dalla data di candidatura, con l’obiettivo di dare spazio alle realtà neocostituite che vogliono continuare a progredire attraverso il percorso offerto da BioUpper.

«Abbiamo ricevuto il 30% di candidature in più rispetto alla prima edizione, che si è peraltro conclusa da pochi mesi – ha dichiarato Guido Guidi, Head Region Europe Novartis Farma – questo dimostra che il modello BioUpper è apprezzato, perché favorisce l’incontro tra i ricercatori maggiormente preparati e il sistema industriale. Siamo convinti che grazie alla collaborazione tra impresa, non-profit, investitori e mondo della ricerca si possa sostenere la cultura imprenditoriale e contribuire a fare del settore biomedico un motore per la crescita e lo sviluppo complessivo del Sistema Italia».

Giuseppe Guzzetti, Presidente di Fondazione Cariplo, ha aggiunto: «Siamo incoraggiati dalla partecipazione a questa selezione e ci aspettiamo risultati ancora migliori da questa seconda edizione che si terrà in Cariplo Factory, innovativo polo di Fondazione Cariplo dedicato a progetti di open innovation, CSR e di valorizzazione degli startupper. I talenti di BioUpper potranno avvalersi anche di questo spazio e della collaborazione con partner tecnologici, fondi di Venture Capital e multinazionali nostri partner».

Primo Bioupper, operativi 9 progetti su 10

La prima edizione di BioUpper è stata una opportunità per tutti i partecipanti. Il 90% dei progetti è tuttora operativo e, oltre ai primi tre team che hanno vinto 150 mila euro in voucher, il 17% di questi ha raccolto fondi pari a 195 mila euro. Ben il 74% dei team, poi, si è costituito in impresa, il 42% ha strutturato una partnership e il 37% è in fase di brevettazione.
La prossima tappa della seconda edizione di BioUpper sarà la settimana di formazione in programma dal 12 al 17 dicembre (training week) presso la sede di Cariplo Factory a Milano. L’obiettivo è supportare i 20 team selezionati dalla giuria per tradurre la propria idea in un modello di business.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Anche i ragazzi dell’Apple Academy dentro il dream team di Giffoni

Grazie a un’intesa siglata dall’università Federico II e il Giffoni Innovation Hub, gli allievi del polo di San Giovanni a Teduccio potranno integrarsi nel gruppo di innovazione che sviluppa idee imprenditoriali creative connesse al festival del cinema per ragazzi

Dalle borse alla tecnologia. Il marchio Louis Vuitton arriva anche sullo smartwatch

Realizzato in collaborazione con Google e Qualcomm Technology, il Tambour Horizon di Vuitton si differenzia dagli altri per lo stile e la personalizzazione, con una varietà di 30 cinturini sia per uomini che per donne. Può arrivare a costare 2.900 dollari