Zucchetti compra la sua seconda startup del 2016. Le ordinazioni di Smart Touch

L’operazione porterà alla nascita della Zucchetti Smart Touch che si occuperà di fornire un servizio di ordinazione con dispositivi mobili direttamente dal tavolo. Si tratta della seconda acquisizione del 2016 dopo Fabtotum

Un’altra startup entra nel gruppo Zucchetti. Dopo l’acquisizione di Fabtotum nel maggio del 2016, il leader del software italiano ha deciso di acquistare Smart Touch. Si tratta di un’azienda fondata nel 2013 a Saronno che si occupa di ordinazioni nel settore della ristorazione.

Grazie all’app di Smart Touch, i clienti si possono localizzare all’interno di un ristorante inquadrando il Qr code del segnatavolo. Da lì possono consultare il menu e scegliere cosa mangiare. La cifra dell’operazione che ha portato questa tecnologia in Zucchetti non è stata rivelata. Ma si tratta di un altro esempio di open innovation per il gruppo nato quasi 40 anni fa a Lodi e che vanta un fatturato di 386 milioni di euro.

smart-touch

La tecnologia per ordinare dal menu con lo smartphone

L’idea di Smart Touch è stata sviluppata da cinque soci e quattro collaboratori. Lo scopo è quello di innovare nel settore del commercio e dei pagamenti elettronici di prossimità con dispositivi mobili, ottimizzando il lavoro del personale in sala e aumentando del 18 per cento le consumazioni.

Il prodotto è risultato da subito vincente tanto da guadagnarsi diversi riconoscimenti in pochi anni. Come la vittoria del premio speciale “Restauration” di Elior Group Seeds&Chips 2016 e l’arrivo in finale nella categoria startup per gli Hostelco Awards 2016 di Barcellona. L’aumento di capitale porterà alla nascita della Zucchetti Smart Touch che opererà nel cosiddetto mercato horeca (hotellerie, restaurant, café).

La collaborazione con la startup amministrata da Massimiliano D’Urso è cominciata nel maggio 2016 quando insieme a Zucchetti hanno sperimentato lo Zmenu. È proprio il successo di questa integrazione che ha portato poi all’acquisizione appena conclusa.

schermata-2016-10-19-alle-17-54-27

A maggio la scelta di Fabtotum per 1,5 milioni

L’acquisizione di Smart Touch è la seconda di quest’anno per Zucchetti per quanto riguarda l’ecosistema delle startup. A maggio Fabtotum aveva fatto aprire il gruppo di software al mondo della fabbricazione digitale. La startup di Marco Rizzuto e Giovanni Grieco aveva ceduto il 51 per cento delle sue quote a Zucchetti. In questo modo i founder di Fabtotum hanno potuto portare le loro competenze specifiche nel campo della stampa 3D all’interno di Zucchetti.

Più o meno quello che accadrà anche con Smart Touch dato che l’intenzione dell’azienda è quella di fornire ai suoi clienti, utenti e pmi, soluzioni sempre più al passo con i tempi. A luglio del 2016 Zucchetti ha ufficializzato anche un’altra acquisizione, quella di Getronic, un’azienda affermata proprietaria del marchio GT Alarm. Quest’operazione ha permesso al gruppo di Lodi di rafforzarsi anche nel settore automotive.

alessandro_zucchetti_650

Alessandro Zucchetti, presidente Zucchetti SpA

Dal 2014 anche Macnil nel gruppo Zucchetti

Nello storico delle acquisizioni di Zucchetti compare anche il nome di Macnil, co-fondata da Mariarita Costanza. L’ingegnere elettronico pugliese ha contribuito a creare nella sua Regione la prima realtà che si è occupata di Internet of Things, fleet e management, sognando di costruire proprio lì il polo tecnologico della Murgia Valley. E dal 2014 ha portato in Zucchetti un valido sistema Gps per le flotte aziendali.

 

Ti potrebbe interessare anche

Cos’è l’open innovation 2.0 e 12 principi per attuarla

Rompere le distanze tra università, industria, governi e comunità per dare risposte alle sfide della società: in 12 parole chiave un diverso (e più veloce) approccio con l’innovazione

Cosa ci fa capire l’exit di 20Lines sul futuro (incerto) dell’editoria italiana

Un’exit di 20Lines in realtà racconta le gravi difficoltà che una startup può avere oggi nel mondo dell’editoria. E in futuro cambierà il modo in cui intendiamo il mercato dei libri

Così le auto autonome cambieranno volto alla periferia (e ci faranno tutti pendolari)

Per molti urbanisti è la sfida dei prossimi anni. La nuova mobilità cambierà il modo in cui viviamo la città. E i suoi confini. Ecco cosa dovremmo aspettarci

Banca Sella, l’open innovation lunga 20 anni (quando ancora non si chiamava così)

La banca biellese fa open innovation dal 1997. Oggi ha un acceleratore verticale, dove bancari e startup lavorano fianco a fianco in team: un modello che Doris Messina definisce di “innovazione discontinua”

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

#rESTATE in città coi bambini: 5 cose da fare a…Bologna

Dalla mostra interattiva Bologna Experience, al ciclo di eventi “Un’estate alla scoperta dell’Orto Botanico“.  Dall’appuntamento alla Serre dei Giardini Margherita allo spettacolo Sandokan al Teatro Testoni. Tutte le attività culturali e scientifiche per chi resta in città con i bambini

SeaSeeker, la maschera realizzata con Snapchat che scatta foto sott’acqua

È la versione subacquea degli occhiali Spectacles del social network del fantasmino. Può essere immersa per 30 minuti e fino a 45 metri di profondità per regalare ai turisti ricordi esclusivi delle loro esperienze in vacanza

Megaride, l’arma segreta Ducati: un software per ottimizzare le performance dei pneumatici in pista

Megaride, la startup di Flavio Farroni che analizza la salute dei pneumatici, stringe una partnership con Ducati per ottimizzare le performance in pista. Questa l’arma segreta che ha regalato a Dovizioso la vittoria nella gara austriaca della MotoGP?

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti