BioUpper si presenta all’Università degli Studi di Milano

Roadshow negli atenei per coinvolgere talenti e ricercatori e trovare candidature entro il 16 ottobre 2016

BioUpper entra nel vivo e si presenta all’Università degli Studi di Milano per promuovere la call for ideas lanciata da Novartis e Fondazione Cariplo, in collaborazione con PoliHub e Humanitas, per formare e finanziare nuove idee di impresa nel campo delle scienze della vita. Per partecipare bisogna presentare la propria candidatura entro domenica 16 ottobre, dopodiché i progetti selezionati accederanno alla training week fino a dicembre. In questa fase si cerca il coinvolgimento di innovatori, ricercatori, startupper, all’interno degli atenei, ambienti ideali per sensibilità al tema e profilazione culturale dei possibili candidati.

facebook_cover_new

Una finestra sul futuro che incoraggia i talenti

La giornata si è aperta con i saluti della professoressa MariaPia Abbracchio, Presidente della Fondazione Filarete, che ha ricordato quanto il mondo della ricerca abbia bisogno di aprirsi e contaminarsi, acquisendo competenze nuove, attinenti il marketing e i nuovi modelli di business. In seguito Rossana Bruno, Media Relations Manager Novartis Italia, Riccardo Porro dell’Area Ricerca Scientifica e Tecnologica Fondazione Cariplo, e Marco Noseda, Startupper Business Developer & Selection Program Manager del Polihub, hanno illustrato dettagliatamente gli step, gli obiettivi e i requisiti previsti da BioUpper. Un modo per aprire una finestra sul futuro e incoraggiare i talenti e le loro buone idee ancora sprovvisti di strumenti e competenze imprenditoriali, a partecipare alle selezioni.

La storia di EVARplanning

Per supportare l’iniziativa con un case history virtuoso e attuale, il dottor Paolo Spada ideatore e realizzatore di EVARplanning (uno dei tre progetti vincitori della prima edizione di BioUpper, assieme a Panoxyvir e Wrap), ha ripercorso la sua esperienza spiegando come è maturata la decisione di partecipare, gli sforzi richiesti nel percorso formativo, ma soprattutto condividendo il fondamentale bagaglio teorico e pratico, acquisto grazie a BioUpper, che gli ha permesso di colmare la distanza tra il mondo della ricerca scientifica e quello del business, permettendo a EVARplanning di collocarsi sul mercato.

image2

Il matrimonio tra ricerca e business

L’obiettivo della call è proprio quello di favorire il trasferimento tecnologico e di competenze per consentire a progetti biotech e lifescience di strutturarsi e rendersi appetibili sul mercato. Un matrimonio tra ricerca e business, per rendere accessibili progetti di ricerca potenzialmente di grande utilità e interesse. Sostenere la crescita del settore delle biotecnologie, contribuendo a colmare il gap, tuttora esistente, tra l’eccellenza della ricerca e la sua traduzione in attività imprenditoriali competitive e sostenibili.

Progetti e strumenti digitali

BioUpper di fatto è un acceleratore che mette a disposizione in forma di voucher 150.000 euro, suddivisi in contributi da 50.000 euro, destinati ai tre progetti migliori.

Gli ambiti di applicazione includono:

Biotecnologie orientate alle scienze mediche

• Nuove molecole e target farmacologici

• Biomarker

• Gene sequencing

• Immunoterapia

• Prodotti nutraceutici

• Modelli di screening per la ricerca farmacologica

Strumenti digitali al servizio della salute e dispositivi medicali, Software, hardware e mobile App per:

• Rilevazione parametri vitali

• Diagnosi, terapia e follow up

Servizi orientati al paziente o alla sanità (anche supportati da strumenti digitali)

• Gestione del servizio socio-sanitario (es. servizi di prenotazione, di pagamento, etc.)

• Erogazione del servizio socio-sanitario (es. riabilitazione, cura, assistenza, etc.)

• Servizi di informazione/formazione al paziente

• Kit di screening e altri servizi per i farmacisti

• Strategie per migliorare la compliance terapeutica

I progetti selezionati accedono ad un programma di training e di accelerazione coordinati da PoliHub: training week + pitch presentation che offre ai 20 migliori progetti selezionati un percorso di formazione finalizzato alla valorizzazione dell’idea imprenditoriale innovativa e sostenibile. In seguito un programma di accelerazione di 10 settimane pensato e progettato appositamente sulle specifiche esigenze dei progetti prescelti, che consente di potenziare le competenze tecniche e le attitudini imprenditoriali.

Qui per maggiori informazioni sul bando.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Anche i ragazzi dell’Apple Academy dentro il dream team di Giffoni

Grazie a un’intesa siglata dall’università Federico II e il Giffoni Innovation Hub, gli allievi del polo di San Giovanni a Teduccio potranno integrarsi nel gruppo di innovazione che sviluppa idee imprenditoriali creative connesse al festival del cinema per ragazzi

Dalle borse alla tecnologia. Il marchio Louis Vuitton arriva anche sullo smartwatch

Realizzato in collaborazione con Google e Qualcomm Technology, il Tambour Horizon di Vuitton si differenzia dagli altri per lo stile e la personalizzazione, con una varietà di 30 cinturini sia per uomini che per donne. Può arrivare a costare 2.900 dollari