5 startup che con Digital Magics fanno open innovation

Almadom.us, Aria wearables, Brain, Get, PowerMe i progetti innovativi su cui Digital Magics punta per fare open innovation

Far dialogare imprese e startup. Sostenere quel terreno di incontro tra nuova imprenditoria digitale e impresa classica che in molti sperano possa innescare un circolo virtuoso di partnership e acquisizioni. La spinta verso l’open innovation è uno degli obiettivi di Digital Magics, società fondata nel 2004 da Enrico Gasperini e Alberto Fioravanti (diventata incubatore nel 2008). Ma da dove cominciare? Da GIOIN, il network dedicato all’innovazione delle imprese italiane, riservato agli imprenditori, al top management e ai professionisti. E da queste startup: Almadom.usAria wearables, Brain, Get, PowerMe. Questi sono i progetti innovativi (protagonisti anche all’Open Innovation Summit 2016) su cui Digital Magics punta per fare open innovation.

Almadom

Almadom.us – il team

Almadom.us

Almadom.us è una startup nata alla fine di giugno 2015. Ha sviluppato un sistema di home automation che, inserendosi in scatole elettriche e sostituendo gli interruttori di casa, controlla luci, termostati, prese, tapparelle, valvole e anche altri oggetti connessi a internet. E’ stata fondata da Marco Zanchi e Alessandro Benedetti, che ne detengono l’86%, Digital Magics (10%) e Mario Molinari (4%), CEO di Mover Investimenti e Co-Fondatore di Sorgenia. Almadom.us è pensato per rendere smart piccoli e medi appartamenti, gli uffici delle PMI e le case vacanze. L’obiettivo di Almadom.us è quello di ridurre ogni anno le bollette di luce e gas da 300 fino a 700 Euro e le emissioni di anidride carbonica di 700 kg.

Aria Wearables

Aria Wearables

Aria wearables è una startup (Ceo Alessandra Antonetti) che ha sviluppa una tecnologia IoT a bordo di un wearable device in grado di garantire un comfort termico costante. Aria è la prima soletta per le scarpe che riscalda e raffredda il piede, monitora lo status termico del corpo. Si rivolge a diabetici e atleti, per la prima volta le persone afflitte da piede diabetico avranno un rimedio attivo che allevia da subito il disturbo e tramite un algoritmo studia le esigenze del paziente e restituisce l’ambiente termico più adatto.i Aiuta l’atleta a migliorare le performance e a raggiungere nuovi obiettivi sportivi. E’ stata fra le 4 startup finaliste dell’IBM SmartCamp 2016.

brain

Simone Grillo e Timoteo Ziccardi

Brain

Brain One è il progetto sviluppato da Brain (Simone Grillo, founder e Ceo e Timoteo Ziccardi, founder) e punta sulla prima telemetria smart per action sport, utilizzabile per qualsiasi tipo di attività. Primo mercato: il motociclismo. Ad aprile 2016 è stato fra i vincitori di Car Innovation 2016, la call for ideas che ha coinvolto le startup che vogliono realizzare business disruptive nel settore automotive, portando a casa l’advisoring con un team di ingegneri di euro engineering nei loro laboratori. Brain One ha ottenuto anche un incontro con il comitato di Digital Magics per l’accelerazione di 2 mesi con 4 postazioni all’interno dell’incubatore a Milano. Prima di arrivare sul mercato, la startup ha lanciato una campagna di crowdfunding  su Kickstarter.

get

Il team di Get

Get

Get è un bracciale wearable che semplifica ed accelera l’interazione fra l’utente e i suoi devices. Non ha bisogno di display, touch screen o pulsanti. Infatti, tramite la tecnologia bones conduction, che sfrutta la conduzione ossea, basta avvicinare il proprio dito all’orecchio per ascoltare i contenuti e rispondere a messaggi, chiamate o dettare istruzioni a Siri. E’ inoltre in grado di leggere le azioni dell’utente per interpretarne la volontà; grazie ad un’applicazione è possibile anche personalizzare ogni gesto abbinandolo alla funzione interessata come accedere a notifiche, chiamate e messaggi. Get è un progetto sviluppato da Edoardo Parini, ceo di Deed Srl.

PowerMe

PowerMe può trasformare ogni dispositivo mobile in una fonte di energia. E’ adatto a qualsiasi dispositivo ed è pronto a caricare lo smartphone. Il progetto di Ludovico Cianchetta e Francesco Crema è stato presentato alla tappa di Saronno del Tech-Marketplace & StartupItalia! Open Summit Tour. Al momento è aperta su Indiegogo una campagna di crowdfunding con obiettivo 10.000 $. I due sviluppatori hanno anche fornito un servizio di assistenza su Telegram per consentire ai donatori di avere una comunicazione diretta con chi ha dato vita al progetto.

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

#rESTATE in città coi bambini: 5 cose da fare a…Bologna

Dalla mostra interattiva Bologna Experience, al ciclo di eventi “Un’estate alla scoperta dell’Orto Botanico“.  Dall’appuntamento alla Serre dei Giardini Margherita allo spettacolo Sandokan al Teatro Testoni. Tutte le attività culturali e scientifiche per chi resta in città con i bambini

SeaSeeker, la maschera realizzata con Snapchat che scatta foto sott’acqua

È la versione subacquea degli occhiali Spectacles del social network del fantasmino. Può essere immersa per 30 minuti e fino a 45 metri di profondità per regalare ai turisti ricordi esclusivi delle loro esperienze in vacanza

Megaride, l’arma segreta Ducati: un software per ottimizzare le performance dei pneumatici in pista

Megaride, la startup di Flavio Farroni che analizza la salute dei pneumatici, stringe una partnership con Ducati per ottimizzare le performance in pista. Questa l’arma segreta che ha regalato a Dovizioso la vittoria nella gara austriaca della MotoGP?

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti