Chi (e cosa) ci sarà all’Open Innovation Summit 2016 di Saint Vincent

Due giornate dedicate a startup, imprese e innovazione: l’Open Innovation Summit 2016 al via il prossimo primo luglio al Park Hotel di Saint Vincent

L’Open Innovation Summit 2016 si terrà al Parc Hotel di Saint Vincent. Appuntamento per e 2 luglio con l’evento dedicato all’innovazione delle imprese italiane, riservato a imprenditori, professionisti e top manager. Si tratta del terzo incontro del GIOIN, network dedicato all’innovazione delle imprese italiane riservato agli imprenditori, al top management e ai professionisti. L’appuntamento ha come obiettivo quello di diventare il punto di riferimento annuale per misurare lo stato dell’Open Innovation del Made In Italy.

open innovation summit 2016

Innovare i processi aziendali

Il tema del confronto fra istituzioni, imprese e startup sarà l’evoluzione, i trend e le opportunità per innovare i processi aziendali interni, i prodotti e i servizi. Si guarda alle giovani imprese innovative ad alto contenuto tecnologico per far fare al mondo imprenditoriale italiano il salto di qualità che merita.

A confrontarsi sul tema “Politica, investimenti e open innovation” ci saranno Federico Ferrazza, direttore di Wired, Paolo Barberis, consigliere per l’Innovazione della Presidenza del Consiglio dei Ministri, Giancarlo Rocchietti, presidente Club degli Investitori, Stefano Firpo, direttore generale MISE, Paolo Anselmo, Presidente IBAN, Marco Gay, presidente Confindustria Giovani e Vicepresidente Digital Magics e Claudio Berretti, direttore generale Tamburi Investment Partners. Questo incontro è previsto per la prima giornata, alle 14.45.

Open Innovation e PMI

Il 2 luglio Andrea Cabrini, direttore ClassCnbc, guiderà la discussione su “Open Innovation e PMI: opportunità e rischi”. Alla tavola rotonda parteciperanno anche Andrea Granelli, presidente Kanso, Roberto Ascione, partner Digital Magics Health Tech, Davide Dattoli, founder e CEO Talent Garden, Marco Guarna, managing director euro engineering, Pierantonio Macola, presidente SMAU. Durante questo incontro verranno presentati alcuni case history di startup che stanno facendo Open Innovation con le PMI.

Andrea Cabrini discuterà del ruolo degli incubatori nell’open innovation con Layla Pavone, amministratore Delegato Industry Innovation Digital Magics, Alessadro Sordi, co-founde e CEO di Nana Bianca, Gianluca Dettori, founder e presidente dPixel, Marco Bicocchi Pichi, presidente di Italia Startup, Timothy O’Connell, direttore programmi innovazione H-Farm, e Stefano Mainetti, CEO Polihub Servizi.

Non mancherà il confronto tra startup e investitori, sia attraverso momenti di pitch sia con incontri faccia a faccia con gli investitori.

Tra i relatori ci sarà anche Stefano Firpo, direttore generale del Ministero dello Sviluppo Economico, oltre ai vertici di Cisco, dPixel, Adecco, Electrolux, Ibm Italia, Ernest&Young, Italia Startup, Kanso, Nana Bianca, PoliHub, QVC Italia, Smau, Talent Garden, Tamburi Investment Partners.

Baroni all’università: “Questo è mio, questo è tuo, questo è coso”

L’indagine di Firenze dimostra che i feudi sono ancora troppi ma anche che l’Abilitazione scientifica nazionale funziona: costringe i baroni a esporsi più che in passato, mettendoli all’angolo

L’app che trova e ti mette in contatto con l’avvocato giusto | JustAvv

Il ceo Mariano Spalletti entra nel dettaglio della piattaforma online che dà la possibilità agli utenti di trovare l’avvocato adatto per risolvere ogni tipo di problema legale

A colloquio con gli insegnanti via Skype, l’idea di un Liceo Classico di Cosenza

Il dirigente scolastico Antonio Iaconianni spiega a StartupItalia! i dettagli di questa iniziativa che punta a modernizzare il liceo classico Telesio. E semplificare il rapporto tra famiglie e scuola sfruttando la tecnologia