Cosa sappiamo della strategia di Fiat in Silicon Valley tra Google, Uber e Amazon

Dopo Google, l’azienda di Sergio Marchionne a lavoro in Silicon Valley sull’automobile che si guida da sola. Dialogo aperto con il gruppo di Travis Kalanick e di Jeff Bezos

Fiat-Chrysler è sempre più inserita nel mondo della Silicon Valley. Dopo l’accordo con Google per progettare le auto a guida autonoma dei minivan Pacifica (s’inizierà con poche decine di veicoli) potrebbe presto decollare un altro accordo che potrebbe essere finalizzato entro la fine dell’anno. Stavolta l’interlocutore è Il superunicorno Uber.

fca

Anche Uber sulle automobili senza pilota

L’accordo FCA-Uber dovrebbe ricalcare quello già siglato dal gruppo di Travis Kalanick con Toyota ed essere dunque legato al Programma Uber Xchange. Consisterebbe nella concessione di vetture in leasing. Non bastasse, per mettere in moto il progetto, che potrebbe coinvolgere anche altre case automobilistiche, Uber ha ottenuto da Goldman Sachs una linea di credito da un miliardo di dollari. Secondo altre versioni si tratterebbe invece di una replica del patto con Big G ​​, dunque sempre intorno alle vetture senza conducente, fronte sul quale il CEO del Gruppo è impegnatissimo. L’anno scorso l’azienda di San Francisco ha lanciato un Centro di Ricerca a Pittsburgh, in Pennsylvania, e ha da poco svelato un prototipo che circola da solo.

Automobili per le consegne

Oltre a Uber e in generale al comparto della mobilità sostenibile e condivisa, su cui il stanno scommettendo anche altri player come Volkswagen, General Motors, Bmw e Daimler, FCA avrebbe avviato un interessante dialogo anche con Amazon che dovrebbe ruotare Intorno alle auto senza conducente, in particolare a veicoli predisposti per le consegne.

Dialogo aperto con le aziende automotive

Un’accelerazione verso l’innovazione che tuttavia lascia sorpresi solista quelli che hanno seguito con poca attenzione le ultime mosse del gruppo. Sergio Marchionne ha infatti da poco dichiarato che “Fca è aperta al dialogo con tutte le aziende che lavorano allo sviluppo tecnologico dell’auto“. E una strategia simile era già stata tracciata dal presidente John Elkann nella sua lettera annuale agli azionisti. Insomma, niente concorrenza con Google, Apple e altri protagonisti dell’hi-tech ma stretta collaborazione.

Altri soldi per Uber

Dal canto suo Uber ha anche incassato, oltre all’Apertura della Commissione Europea sul tema condivisione economia, ulteriore liquidità. Il Fondo Sovrano dell’Arabia Saudita ha infatti investito 3,5 miliardi di dollari (5% della società).

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

#rESTATE in città coi bambini: 5 cose da fare a…Bologna

Dalla mostra interattiva Bologna Experience, al ciclo di eventi “Un’estate alla scoperta dell’Orto Botanico“.  Dall’appuntamento alla Serre dei Giardini Margherita allo spettacolo Sandokan al Teatro Testoni. Tutte le attività culturali e scientifiche per chi resta in città con i bambini

SeaSeeker, la maschera realizzata con Snapchat che scatta foto sott’acqua

È la versione subacquea degli occhiali Spectacles del social network del fantasmino. Può essere immersa per 30 minuti e fino a 45 metri di profondità per regalare ai turisti ricordi esclusivi delle loro esperienze in vacanza

Megaride, l’arma segreta Ducati: un software per ottimizzare le performance dei pneumatici in pista

Megaride, la startup di Flavio Farroni che analizza la salute dei pneumatici, stringe una partnership con Ducati per ottimizzare le performance in pista. Questa l’arma segreta che ha regalato a Dovizioso la vittoria nella gara austriaca della MotoGP?

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti