Volkswagen investe 300 milioni in una startup che sarà l’anti Uber in Europa

Il colosso tedesco sceglie la mobilità alternativa e investe nel business delle auto a noleggio per uscire dal DieselGate, lo scandalo delle emissioni

Volkswagen ha deciso di fare un investimento strategico nell’app rivale di Uber, Gett. Lo ha annunciato la stessa startup e lo riporta Business Insider. La scelta del colosso automotive nasce dalla volontà di superare la grande crisi che l’azienda tedesca sta affrontando dopo il DieselGate. Lo strumento per uscire dal tunnel, stando a questa mossa, sembra quella di puntare su nuove tecnologie applicate a un concetto innovativo di mobilità. Stando a quanto ha dichiarato Shahar Waiser, co-founder e CEO di Gett, Volkswagen ha dichiarato di voler andare oltre il possesso del veicolo.

L’investimento sembra anche una necessità per il colosso tedesco, dato che le compagnie dedicate al servizio taxi privato si stanno facendo guerra tra loro. Uber ha raccolto miliardi e Didi Chuxing, una compagnia gemella cinese ha sedotto Apple che vi ha investito un miliardo di dollari. Volkswagen non è il primo gruppo auto a investire in una startup come Gett. A gennaio General Motors ha investito mezzo miliardo di dollari in Lyft, a fronte di una valutazione di 5,5 miliardi di dollari, come parte di un più ampio round di investimento da 1 miliardo.

Volkswagen

Gett, la startup israeliana che incassa 500 milioni l’anno (in 60 città europee)

Nata nel 2010, la startup israeliana è uno dei diretti concorrenti di Uber, il servizio che mette in contatto auto e conducenti privati con passeggeri alla ricerca di un taxi attraverso un app. Waiser ha dichiarato che l’azienda incassa 500 milioni di dollari all’anno. Gett ha raccolto 220 milioni di dollari di venture capital: con l’investimento di Volkswagen questo capitale è salito a 520 milioni. Gett opera in 60 città europee e a New York City. I nuovi capitali aiuteranno ad accelerare l’espansione del servizio.
La tecnologie che sviluppa Gett (Big Data, algoritmi di previsione) potrebbero rivelarsi utili nello sviluppo di auto che si guidano da sole, ma Waiser ha sottolineato che Gett non sta lavorando a nessun progetto del genere. Chi usa Gett può dare riscontro su alcuni vantaggi dell’accordo: potranno accedere a tassi di finanziamento migliori di quelli oggi sul mercato e questo renderà la piattaforma più attraente agli occhi di potenziali guidatori che vogliono entrare nel mondo delle auto con noleggio conducente.