Google ha una bomba da 3 miliardi in casa: il caso Nest

Per Forbes all’origine dei malumori potrebbe esserci Dropcam, altra società acquisita da BIG G, e un team non all’altezza

La luna di miele tra Google e Nest, startup che si occupa di domotica (acquisita nel 2014 da Big G per 3 miliardi di dollari)sembra finita. Già da qualche tempo nel team della società fondata da Tony Fadell, specializzata nella produzioni di prodotti per l’innovazione domestica, serpeggiano malumori. Tutto è iniziato da una dichiarazione di Fadell che ha tirato in ballo il co-fondatore di Dropcam, altra società (produce telecamere) acquisita da Google, e il team di Nest definendolo “non così buono rispetto alle nostre aspettative”.

Nest

Nest, Tony Fadell – credits by appleinsider.com

Come riporta Forbes, in seguito a questa dichiarazione, Greg Duffy – che ha lasciato Dropcam nel gennaio 2015 – ha risposto con un post su Medium, in cui ha sottolineato che la verità sarebbe leggermente differente. Partendo dal suo rimpianto di aver venduto la società (exit da 555 milioni di dollari avvenuta a giugno 214), ha raccontato delle dimissioni di 50 persone dopo la fusione Nest-Dropcam, dovute alla perdita di autonomia nel proprio lavoro. Nest ha fallito nell’intento di mettere sul mercato nuovi prodotti e, secondo le ricerche di Duffy, ha perso circa 500 impiegati da quando è stata acquisita da Google.

L’utente “throwawaynest” ha pubblicato un post (ora cancellato) su Reddit in cui si poteva leggere: “Ti sfidiamo (con riferimento a Nest, ndr.) a dire a tutti quanti dei 340 milioni di dollari (fatturato dichiarato di Nest) è dovuto solo al rebrand di Dropcam”. Il punto è che la gente non compra i termostati e gli allarmi anti fumo, prodotti da Dropcam e ora venduti come Nest Cam, reindirizzando il fatturato sull’omonima divisione che sta aumentando il fatturato. Duffy si dichiara d’accordo con l’analisi e aggiunge “ma se si sapesse la percentuale di ricavi di tutte le altre scommesse di Alfaphet portata dalle circa 100 persone del team di Dropcam che Fadell deride, la stessa Nest non ne uscirebbe positivamente”.

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

#rESTATE in città coi bambini: 5 cose da fare a…Bologna

Dalla mostra interattiva Bologna Experience, al ciclo di eventi “Un’estate alla scoperta dell’Orto Botanico“.  Dall’appuntamento alla Serre dei Giardini Margherita allo spettacolo Sandokan al Teatro Testoni. Tutte le attività culturali e scientifiche per chi resta in città con i bambini

SeaSeeker, la maschera realizzata con Snapchat che scatta foto sott’acqua

È la versione subacquea degli occhiali Spectacles del social network del fantasmino. Può essere immersa per 30 minuti e fino a 45 metri di profondità per regalare ai turisti ricordi esclusivi delle loro esperienze in vacanza

Megaride, l’arma segreta Ducati: un software per ottimizzare le performance dei pneumatici in pista

Megaride, la startup di Flavio Farroni che analizza la salute dei pneumatici, stringe una partnership con Ducati per ottimizzare le performance in pista. Questa l’arma segreta che ha regalato a Dovizioso la vittoria nella gara austriaca della MotoGP?

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti